Tunnel Schio-Valdagno, andata e ritorno costano meno. Da gennaio tariffe ridotte con il Telepass

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
L'entrata del tunnel

Da Schio a Valdagno più ritorno, o viceversa: dal primo gennaio costerà un po’ meno. E’ il regalo di Natale che la Provincia di Vicenza, proprietaria del tunnel Schio-Valdagno, ha deciso di fare all’Alto Vicentino: con l’anno nuovo, per ogni passaggio in auto attraverso il traforo il ritorno sarà gratuito, se l’automobilista utilizza il sistema Telepass Family.

Vi.abilità, la società che gestisce in concessione il tunnel Schio-Valdagno su indicazione della Provincia di Vicenza, è intenzionata a procedere ad una riduzione del costo del transito dei passaggi effettuati dai titolari di “Pass Family” a partire dall’1 gennaio 2017. Tale provvedimento va ad incidere sui passaggi di classe A, ovvero quelli relativi ai veicoli a due assi con altezza uguale o inferiore a 1,30 metri, il cui costo è di 2 euro a transito. Attualmente chi è titolare di “Pass family” può fruire di un passaggio gratuito ogni quattro, con costo per passaggio pari ad 1,50 euro, mentre dall’1 gennaio 2017, sempre chi è possessore di “Pass family”, potrà godere di un passaggio gratuito ogni due, con un costo per passaggio pari ad 1 euro e conseguente riduzione di circa il 33 per cento del prezzo del transito.

“Crediamo sia davvero una buona notizia – sottolineano il presidente della Provincia Achille Variati e l’amministratore unico di Vi.Abilità Spa Cinzia Giaretta – anche alla luce della filosofia che sottointende. Quest’anno abbiamo avuto minori introiti, ma anziché alzare le tariffe abbiamo deciso di provare ad incrementare i passaggi. Quasi una rarità che fa seguito alla decisione di mantenere le tariffe originarie nonostante due rincari di Iva”. Soddisfatti i sindaci Giancarlo Giuseppe Acerbi (Valdagno), Valter Orsi (Schio) e Giovanni Casarotto (Thiene) che commentano: “Il tunnel ha avvicinato anche commercialmente le nostre comunità che sono orami una città diffusa”.

 Vi.abilità snocciola i dati del traffico: i transiti in classe A nel 2015 sono stati circa 1,6 milioni, di questi circa il 35,5 per cento si riferisce ai possessori di “Pass Family”. I transiti in classe A nel 2016 (dato in corso di formazione) potranno essere di circa 1,685 milioni, di questi si prevede circa il 37,5 per cento riferito ai possessori di “Pass Family”. A proposito dei quali il numero dei passaggi gratuiti è stato nel 2015 di 140mila, con minori introiti per Vi.abilità di circa 280mila euro (al netto di Iva 229mila). Per il  2016 sono previsti 158 mila passaggi riferiti ai titolari di “Pass Family”, con conseguenti minori introiti per Vi.abilità di 316mila euro, (al netto di Iva 259mila). Se si stima invece che negli anni 2014, 2015 e 2016 i transiti hanno avuto un incremento medio del 5 per cento, con ragionevole certezza la società potrà beneficiare nel 2017 di maggiori ricavi che potranno in parte compensare l’aumentata gratuità per i possessori di “Pass Family”.