Davide Astori, due medici indagati per omicidio colposo

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Svolta nelle indagini sulla scomparsa del capitano viola. A quasi un anno dalla morte di Davide Astori due medici sono stati iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Firenze per il reato di omicidio colposo. Secondo quanto appreso, si tratterebbe i due professionisti che lavorano in strutture pubbliche incaricate di certificare l’idoneità sportiva, una con sede a Firenze e l’altra con sede a Cagliari. Non risultano invece coinvolti medici appartenenti alla società viola.

I due medici avrebbero firmato le idoneità all’attività sportiva del calciatore nonostante, secondo quanto si è appreso, una serie di esami avessero evidenziato la presenza di extrasistoli ventricolari nel corso delle prove da sforzo a cui era stato sottoposto il calciatore nella sua carriera in serie A. In particolare, nell’ultimo accertamento, quello effettuato nel mese di luglio 2017, erano emersi alcuni campanelli d’allarme riguardo il cuore del calciatore e il fatto che l’organo non funzionasse come avrebbe dovuto.

A questo proposito la procura di Firenze ha dunque aperto un’inchiesta che nei prossimi giorni potrebbe portare ad una svolta. Davide Astori, scomparso improvvisamente il 4 marzo 2018, ha militato nel Cagliari, nella Roma e infine nella Fiorentina.