Delitto Elisa Pomarelli: arrestato anche l’ex suocero di Massimo Sebastiani

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Nuovo colpo di scena nel delitto di Elisa Pomarelli, la 28enne scomparsa circa due settimane fa nel piacentino. Dopo Massimo Sebastiani, che sabato è stato arrestato, ha confessato l’omicidio della 28enne e ne ha fatto ritrovare il corpo ( in località Costa di Sariano di Gropparello), in manette è finito anche l’ex suocero del 45enne.

Si tratta di Silvio Perazzi, padre della ex compagna di Massimo Sebastiani, fermato la scorsa notte dopo una serie di approfondimenti investigativi. L’accusa per l’uomo è di “favoreggiamento personale” in omicidio.

In particolare Perazzi è accusato di aver aiutato Massimo Sebastiani durante la latitanza “ad eludere le ricerche, consentendogli di nascondersi”. Sebastiani potrebbe aver dormito a casa di Perazzi alcune notti prima di confessare l’omicidio dell’amica.

Ancora da definire la dinamica del delitto. Quello che mostrano le telecamere della zona è che Sebastiani, dopo il pranzo in trattoria con Elisa, che termina poco dopo le 14 di domenica 25 agosto, va a casa sua con la ragazza a Campogrande di Carpaneto.

Alle 14:47 Sebastiani faceva benzina e le telecamere del distributore mostravano la sua sola presenza. Il telefonino di Elisa a quell’ora risultava già spento. Dopo un approccio respinto potrebbe averla strangolata e caricata nel bagagliaio dell’auto dove sono state trovate tracce organiche.

Sebastiani poi andava a casa di Perazzi per un bicchiere di vino. Quindi viene visto in un bar di paese, a torso nudo, con i pantaloni bagnati. In seguito invita a cena una amica alla Antica Osteria, ma all’appuntamento non si presenterà. Un testimone afferma di averlo però visto verso mezzanotte camminare sul ciglio della strada vicino a Costa di Sariano, con uno zaino in spalla. Proprio in quella zona, due settimane dopo, Massimo ha fatto ritrovare il corpo di Elisa. E ha confessato.