Il Giro d’Italia giovani parla inglese al Pian delle Fugazze: vince Williams, Donovan in rosa

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
La maglia rosa sotto l'Ossario del Pasubio

Meravigliosa giornata di sport quest’oggi nell’Alto Vicentino, con la settima tappa del Giro d’Italia Under 23, da Schio al Passo Pian delle Fugazze di Vallarsa. Una frazione decisamente british: braccia al cielo in solitaria per il vincitore, l’inglese Stephen Williams, mentre il connazionale Mark Donovan (quinto) strappa la maglia rosa al colombiano Osorio. Pigliatutto dei sudditi della Regina Elisabetta, poco distante dal luogo dove pochi mesi fa ci fu la visita del Principe Carlo.

Tappa che si preannunciava foriera di possibili stravolgimenti, e così è stato: sull’ultima dura salita a Valli del Pasubio la maglia rosa Alejandro Osorio ha perso contatto dai migliori. Dirompente l’azione del giovane Stephen Williams, arrivato sul traguardo in solitaria.

Frazione che è stata caratterizzata da una fuga di 19 elementi, che sono riusciti a prendere vantaggio sulla prima parte pianeggiante. Alla prima ora dopo la partenza della corsa da Schio la media di corsa era infatti ben sopra i 50 chilometri all’ora, in virtù dei tanti tentativi di portare via la fuga giusta.

Fuggitivi che hanno attaccato la prima asperità di giornata, il Passo Xon tra Recoaro e Valli, con tre minuti di vantaggio. Di lì la discesa verso Valdagno e poi nuova salita verso Passo Zovo. Fuga che gradualmente ha perso vantaggio ed elementi, presentandosi all’inizio della salita al Passo Pian delle Fugazze, ultima di giornata e arrivo, con un minuto e dieci e soli tre elementi.

Di lì lo sparpaglìo è stato notevole: ai sei chilometri il più forte di giornata, l’inglese Stephens, ha attaccato in testa al gruppo maglia rosa, staccando tutti. Ha ripreso gradualmente i fuggitivi, involandosi in solitaria verso la vittoria, arrivata a braccia alzate e con un urlo liberatorio. Nulla da fare per la maglia rosa Osorio, incapace di tenere il passo dei battistrada.

Secondo a 26″ il russo Vlasov, terzo a 28″ William Barta, giunto in compagnia di João Almeida, Mark Donovan e Robert Stannard. Michel Ries è settimo a 38″, Aldo Caiati  è il migliore degli italiani in ottava posizione a 1′. In classifica Alejandro Osorio perde quindi la maglia rosa a beneficio di Mark Donovan: il britannico del Team Wiggins, quinto oggi, è il nuovo leader della classifica generale. Osorio ora insegue a 14″ mentre Williams è terzo a 57″ e Vlasov quarto a 1’52”.

Un plauso agli organizzatori per l’eccezionale macchina approntata. Oltre 500 i volontari sul percorso, che hanno garantito la sicurezza di tutta la carovana. Grande anche la cornice di pubblico sul tracciato e all’arrivo, dove si respirava l’aria del professionismo vero.

Al termine delle premiazioni la maglia rosa è stata accompagnata al vicino Sacello Ossario, dove si è svolto un toccante momento di commemorazione dei caduti nel Primo Conflitto Mondiale.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!