Russia. Putin trionfa nelle presidenziali con oltre il 76% delle preferenze

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Per le presidenziali non c’è stata storia. Come prevedile. Vladimir Putin ha ricevuto infatti il quarto mandato presidenziale avendo stravinto le elezioni con oltre il 76% delle preferenze, sostegno plebiscitario quindi anche se il dato sull’affluenza risulta inferiore all’obiettivo del 70% (al 67,4%). Si tratta del miglior risultato della storia politica di Putin. Resterà in carica fino al 2024. Al secondo posto il candidato del partito comunista Pavel Grudinin con l’11,2%. Seguono il nazionalista Vladimir Zhirinovsky con il 6,7%, Ksenia Sobchak con il 2,5%, Grigory Yavlinski con l’1,6%, Boris Titov con l’1,1% e Serghei Baburin con l’1%.

Vi ringrazio: il successo è il nostro destino“, ha detto Putin parlando alla folla riunita al Maneggio, a due passi dalla Piazza Rossa mentre il portavoce della campagna elettorale, Kondrashov ringrazia Theresa May. Il voto infatti è stato sicuramente influenzato anche dal caso della spia russa assassinata in Inghilterra. In riferimento agli attacchi di Londra a Mosca sul caso Skripal Kondrashov ha infatti detto: “Non capiscono i russi, ogni volta che ci accusano di qualcosa in modo infondato, il popolo russo si unisce al centro della forza e il centro della forza oggi è senz’altro Putin”.

Il presidente russo ha poi spiegato: “ci aspettano sfide enormi, dobbiamo risolvere i problemi della nazione, serve una svolta”. Putin ha quindi aggiunto che il risultato “significa che è stato approvato quello che abbiamo fatto in condizioni difficili in questi anni ma anche quello che faremo, ciò che abbiamo proposto: mi auguro che le forze politiche si sforzino di pensare al bene del Paese prima che al loro tornaconto”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!