AMalo Festival 2022, in teatro va in scena la tragedia Troades

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Prosegue il calendario di incontri dedicati allo spettacolo e promossi da AMalo Festival, l’edizione 2022 presenta un ricco cartello e dopo aver messo in archivio il primo spettacolo con l’applaudita esibizione di danza di De Anima, sabato prossimo 7 maggio si replica con la tragedia classica “Troades” messa in scena dalla compagnia Schio Teatro Ottanta.

L’ASSOCIAZIONE – L’Associazione artistica Schio Teatro Ottanta si impegna da 41 anni ininterrotti (precisamente dal 23 settembre 1980) nella sensibilizzazione all’arte drammatica e mette in scena sia opere moderne che tradizionali e popolari, distinguendosi anche per l’organizzazione di rassegne, festival e corsi di recitazione. Con all’attivo 32 allestimenti, replicati in provincia e fuori regione, è selezionata tra i più importanti festival nazionali teatrali italiani. Oggi l’associazione coinvolge in modo volontaristico più di 100 associati e rappresenta una delle realtà più vive del panorama teatrale amatoriale italiano.

COMPAGNIA – Troiane: Ecuba-Elena Righele, Cassandra–Anna Rigon, Polissena – Elena Sessi, Andromaca – Giada Pretto, Elena–Fabiola De Marchi. Achei: Menelao–Alberto Ballardin, Agamennone–Concetto “Tuccio” Romeo, Neottolemo – Guerrino Ferrari, Ulisse–Marco Zardo. Coro Delle Troiane: Metopa–Corifea Della Corte Di Ecuba-Federica Zanella, Teleclea-Corifea Della Corte Di Ecuba–Monica Fortunato.

LO SPETTACOLO – Tragedia greca classica senza voce – adatto a giovani e adulti preparati.
L’idea dello spettacolo prende origine da un instancabile lavoro di ricerca e sperimentazione condotto da anni da una delle attrici di Schio Teatro Ottanta e poi concretizzato in un laboratorio teatrale che ha avuto tra i suoi obiettivi quello di sviluppare la sensibilità nei confronti di ciò che ci circonda (persone, ambiente, oggetti), la percezione del movimento (individuale e di gruppo), la capacità di agire e reagire organicamente (corpo, mente, emozioni). Troppo spesso, infatti, si dimentica che l’attore è “colui che agisce” non “colui che parla”. Si dice infatti andare a vedere uno spettacolo, non andare a sentire uno spettacolo!

INGRESSO ED INFORMAZIONI
Ingresso libero con prenotazione obbligatoria.

Prenotazioni sul sito www.amalofestival.ito presso il Comune di Malo – Ufficio Cultura (via Cardinal De Lai 61 – tel. 0445 585293)
L’accesso agli spettacoli è consentito a partire da 45 minuti prima dell’orario di inizio, previa esibizione di certificazione verde covid-19 (Green Pass Rafforzato).
Tutti gli spettatori devono indossare dispositivo di protezione personale quale mascherina FFP2 in ogni momento.
Il programma può subire variazioni per cause non dipendenti dalla volontà dell’organizzazione.
Tutti gli aggiornamenti sono disponibili sul sito www.amalofestival.it