Usa. Uragano Harvey in Texas. 5 i morti. Allagamenti senza precedenti a Houston

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Il presidente statunitense Donald Trump domani sarà in Texas, Stato colpito dall’uragano Harvey. Al momento sono cinque le vittime registrate. I soccorsi continuano senza sosta mentre l’uragano, ora declassato a tempesta tropicale, sta continuando a devastare il Texas con le sue piogge torrenziali che, secondo le previsioni, andranno avanti per giorni. Oltre mille sono le persone salvate. E continua l’allerta per possibili tornado. “Un evento senza precedenti“, afferma in un tweet il servizio meteo federale americano, secondo cui le piogge potrebbero raggiungere i 127 cm in alcuni luoghi, il livello più alto mai registrato in Texas. Cancellati tutti i voli da e per Huston.

Harvey sta tornando verso il Golfo del Messico, da dove è arrivato, ma mercoledì farà rotta nuovamente su Houston, ora totalmente paralizzata dalle alluvioni. Lo rende noto l’ufficio meteo federale. Da venerdì scorso Harvey, di categoria 4 si è abbattuto sul Texas, con venti fino a 130 miglia all’ora (oltre 200 km all’ora). Lo Stato ha già proclamato lo stato di calamità mentre il Servizio Meteo ha avvertito di restare in casa se non per casi di estrema necessità.

In Texas “sono state chiuse 250 autostrade”, ha spiegato il governatore Greg Abbott durante una conferenza stampa, sottolineando come siano stati attivati oltre 3.000 uomini della guardia federale e nazionale e come gli aiuti stiano arrivando da tutti gli Stati, dalla California a New York. Diversi ospedali sono stati evacuati. Il governatore invita a stare lontani da strade e autostrade perché l’emergenza allagamenti, in seguito all’uragano Harvey, non è rientrata e persiste un’allerta tornado in molte aree dello stato.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!