Calabria. Torrente in piena nel Parco del Pollino. Sale il numero delle vittime

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Dramma nel cosentino. E’ salito a 11 morti il bilancio dei morti avvenute nelle Gole del Raganello a Civita di Castrovillari in Calabria, dove diversi escursionisti sono stati travolti dalla piena di un torrente nel Parco del Pollino. L’aggiornamento nella notte quando una delle persone rimaste ferite gravemente è deceduta all’ospedale di Cosenza a causa di un trauma toracico. Tra i morti anche una ragazzina di 14 anni. Altre 11 persone ferite restano ricoverate in ospedale: 6 sono quelle in gravi condizioni. I dispersi sarebbero almeno cinque.

Le persone messe in salvo sono ventitré ma il prefetto di Cosenza Paola Galeone parla anche di possibili dispersi che si erano avventurati senza guida. “Sul numero dei dispersi siamo molto cauti. I numeri che abbiamo dato all’inizio si riferivano a gruppi organizzati. Ora con un numero dedicato, sia in Regione, sia in prefettura, stiamo cercando di avere notizie di eventuali uscite di persone singole o di coppie”, così il prefetto di Cosenza.

Le ricerche dei dispersi sono proseguite per tutta la notte e continueranno anche oggi. Il capo della Protezione civile della Regione Calabria, Carlo Tansi ha dichiarato: “I dispersi in questo momento sono cinque e la difficoltà ad avere un quadro chiaro di chi manca all’appello è dovuta al fatto che gli escursionisti erano in gruppi sparsi. Molte segnalazioni sono pervenute nella notte al nostro numero verde”. Le operazioni saranno ora spostate anche più a valle, fino alla foce del torrente, perché c’è il timore che alcune vittime siano state trascinate fino al mare.

Due gruppi di escursionisti con certezza sono stati colpiti dalla piena. In tutto gli escursionisti erano 36, provenienti in particolare da Brescia, Bergamo, Milano, ed erano suddivisi in due gruppi di 18 persone. Alcune delle persone stavano effettuando una discesa a piedi del torrente, altri stavano percorrendo le gole e le grotte. Resta però da capire, se, essendo l’accesso al parco libero, al momento della piena ci fossero anche altre persone.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!