Papa Francesco critica la superbomba USA e la rissa tv Macron-Le Pen [Esteri-Vaticano]”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Stati Uniti e Francia nel mirino di Papa Francesco. Il pontefice, incontrando i ragazzi della Scuola della Pace in Vaticano ha parlato della super bomba sganciata dagli Usa sull’Afghanistan nel mese scorso e dell’imminente ballottaggio per eleggere il successore di Francois Hollande all’Eliseo. Il Santo Padre ha esordito ricordando l’oridgno ‘Moab’ e ha detto: “Mi sono vergognato quando ho sentito il nome di una bomba, l’hanno chiamata ‘la madre di tutte le bombe’. La mamma dà vita e questa dà morte”.
Francesco e le guerre nel mondo. Successivamente, il Papa sempre rivolto ai giovani ha detto: “C’è gente buona, ci sono cose buone nel mondo che non si vedono; ma il mondo è in guerra. Dite la parola voi, che siete la scuola della pace dite, ‘il mondo è in guerra. Purtroppo ormai le bombe colpiscono un ospedale, una scuola, dove ci sono i malati, i bambini! E noi diciamo ‘mamma’ a quell’apparecchio? Ma che cosa sta succedendo?”. Si è chiesto un amareggiato e preoccupato Francesco, sottolineato poi che stiamo assistendo a fenomeni, anche culturali, che seminano violenza tra i popoli e i singoli individui, spinti anche per interesse dai cosiddetti fabbricanti di morte: “Ci sono gli affaristi – che vendono armi a chi è in guerra guadagnando sulla morte degli altri”.
Le critiche del pontefice ai due candidati all’Eliseo. Papa Francesco, alla vigilia del ballottaggio per le presidenziali francesi, ha criticato in particolare la rissa verbale andata in scena nel recente duello elettorale in tv tra Marine Le Pen ed Emmanuel Macron: “In un dialogo televisivo si buttavano pietre, non si lasciava finire l’altro, a un livello così alto si arriva a non saper dialogare”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!