Vicenza-Brescia, scontri tra tifoserie. Diversi feriti

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Foto profilo Facebook Antonio Marco Dalla Pozza

Si sapeva che avrebbero potuto esserci problemi nel match di sabato scorso giocato tra Vicenza e Brescia allo stadio Menti, e così purtroppo è stato. Gli ultras bresciani una volta arrivati allo stadio hanno infatti cercato due volte di venire in contatto coi vicentini, arrivando addirittura a sfondare una cancellata sistemata ad hoc per contenerli, causando il ferimento di un bresciano e di alcuni agenti di polizia.

Sugli scontri prima della partita è intervenuto tramite il suo profilo Facebook l’assessore alla Sicurezza di Vicenza, Antonio Marco Dalla Pozza, presente allo stadio. “ Una tifoseria vergognosa quella degli ultrà bresciani, a cui andrebbero imputati i costi di una giornata di follia, nella quale una decina di agenti di polizia sono rimasti feriti e contusi dopo l’abbattimento di un tratto della “gabbia” (e mai termine fu più adatto) davanti alla Curva Nord – ha scritto – ne avevamo già conosciuto la vigliaccheria due anni fa a Brescia, e ne ero stato testimone diretto nell’assalto ai nostri pullman (in quell’occasione i bresciani aggredirono alcune corriere di tifosi vicentini ndr). La speranza ora è che arrivi la giustizia, non solo con i Daspo, nei confronti di chi non merita di girare per l’Italia a creare problemi (e speriamo che anche il campo dia loro la possibilità, l’anno prossimo, di passare le domeniche a Lumezzane e a Salò in avvincenti derby)”.

“Queste mele marce, questi imbecilli – ha rincarato – questi violenti non devono più trovare casa nello sport che amiamo. Abbiamo il diritto di poter andare a vedere la partita portando i nostri figli senza dover temere per la loro incolumità, abbiamo il diritto di vedere questi animali nel posto giusto per loro: dietro alle sbarre. E, se mi è permesso, un pensiero solidale ai tifosi – quelli veri – di Brescia, che vedono l’immagine della squadra e di una città rovinata da questi emeriti cretini”.

Sui tafferugli la Digos sta indagando, dopo aver acquisito i video relativi a quei momenti concitati.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!