Ius Soli. Salvini: “Pd unico partito razzista”. Galantino: “La politica cambia idea per interesse”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
La discussione sullo Ius Soli, il diritto di cittadinanza alle persone che nascono nel nostro paese non accenna a fermarsi. Ultime in ordine di tempo le dichiarazioni del leader della Lega Nord Matteo Salvini e quelle di mons. Nunzio Galantino, segretario della Cei. Salvini, nell’intervista a Maria Latella, a Skytg24 ha dichiarato: “Il Pd è l’unico partito veramente razzista presente in Parlamento”. Ha poi aggiunto: “La sinistra ha bisogno di nuovi elettori o nuovi schiavi o nuovi iscritti ai sindacati. Gli stessi immigrati regolari in Italia chiedono più sicurezza, meno tasse e migliori ospedali e non la ‘targhetta’ della cittadinanza”.
Poi Salvini ha smentito ancora una volta l’incontro tra lui e Casaleggio: “Mi fanno tenerezza i giornali e giornalisti che inventano notizie inesistenti”, ma plaude al cambio di rotta dei Cinque Stelle: “Finalmente, però,su alcuni temi raggiungono posizioni di buon senso, come su cittadinanza e migranti. Non ho bisogno d’incontrarli per fare la stessa battaglia”.
Le parole di mons. Galantino. Ad intervenire sull’argomento anche il segretario della Conferenza Episcopale Italiana, monsignor Nunzio Galantino che si dice molto preoccupato “per come si sta affrontando questo problema, persino con gazzarre ignobili in Aula. Sono temi molto importanti. Ci sta che qualcuno sia contrario. Ma vedo che c’è chi ha cambiato idea. E ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse“. Queste le parole del segretario generale della Cei, parlando alla Repubblica delle Idee a Bologna.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!