Oggi al Quirinale incontro tra Salvini e Mattarella

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Oggi è il giorno del colloquio tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il capo dello Stato Sergio Mattarella, incontro richiesto dal leader del Carroccio in relazione al sequestro dei beni della Lega disposto dalla magistratura genovese per una vicenda legata ai fondi al partito e risalente a una decina di anni fa e per la quale Salvini e l’attuale Lega si dichiarano estranei. Gli dirò che “gli unici che decidono sono gli italiani col loro voto”, afferma il vicepremier.

Poi sui migranti il ministro dell’Interno annuncia: ” taglieremo almeno 10 euro a profugo, risparmiando mezzo miliardo l’anno. In questo momento ogni richiedente asilo che sta arricchendo le cooperative ci costa 35 euro. Ora ho dato questa indicazione e penso che entro questo mese otterremo un risultato” ha aggiunto Salvini.

Il ministero della Difesa gli risponde intanto sull’ipotesi di chiudere i porti anche alle navi militai Ue: la competenza non è del Viminale.“Al presidente Mattarella – continua il vicepremier- porterò il saluto di Adro, della Franciacorta e di Brescia, raccontandogli quello che stiamo facendo ma soprattutto che l’Italia è una Repubblica democratica e che gli unici che decidono sono gli italiani con il loro voto. Se pensano di mettermi paura hanno sbagliato soggetto”.

Poi il ministro aggiunge: “Ci faranno la guerra in tutti i modi, useranno le tv, usano qualche giudice o qualche magistrato. Io non ce l’ho con la magistratura, se qualcuno usa la toga e lo stipendio pubblico per fare politica questo a me non va bene. Perché la giustizia è una cosa troppo seria per usarla per fini politici” ha anche detto Salvini.

“Se riesco domenica vado a fare una missione politico-calcistica. Approfitto per andare, se riesco, a Mosca per la finale dei Mondiali. Spero solo che non vinca una squadra delle quattro che sono in semifinale… Poi vado a incontrare il ministro del’Interno russo per parlare di azioni contro il terrorismo islamico, che sembra sconfitto ma non lo è. E poi vado a incontrare Putin. Uomini come lui, che fanno gli interessi dei propri cittadini, ce ne vorrebbero a decine in questo Paese” ha infine annunciato il ministro dell’Interno.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!