Meningite C, gravissimo artigiano di 38 anni

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
(foto Wikipedia)

Rimangono molto gravi ma stabili le condizioni del vicentino di 38 anni ricoverato in terapia intensiva all’ospedale San Bortolo di Vicenza per un caso di meningite.

Secondo quanto racconta il Giornale di Vicenza, l’uomo – un artigiano che abita in città – ha iniziato a stare male nella mattinata di mercoledì: dolore alla nuca, febbre alta, puntini rossi sulla pelle. Nel pomeriggio le febbre è salita oltre i 40 gradi e il suo medico ha consigliato ai familiari di andare direttamente al pronto soccorso, dove l’uomo è entrato verso le 19,30. Lì i medici, vedendo le chiazze rosse, hanno intuito subito che poteva trattarsi di uno shock settico, come hanno infatti appurato gli accertamenti a cui è stato immediatamente sottoposto: l’esito è stato meningite di tipo C, la forma più grave e repentina nella sua evoluzione.

Già ieri sono stati sottoposti a profilassi sia i suoi familiari, che colleghi e altre persone con cui è venuto in contatto in questi giorni. La sua vita è appesa a un filo, ma mi medici sperano la che sua forte tempra possa essere di aiuto.