Bugno, Bardin, Dall’Igna: lo sport in campo per i terremotati

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Foto BELLINI/GETTY IMAGES

Domenica pomeriggio nel palazzetto dello sport “Don Bosco” di Schio saranno presenti quattro persone che a loro modo hanno scritto, o scriveranno, pagine indelebili dello sport italiano. Il portiere Adriano Bardin, l’ingegnere capo Ducati Corse Luigi Dall’Igna, il giovane ciclista Mattia Petrucci e il vincitore del Giro d’Italia Gianni Bugno saranno in città per un progetto a favore dei ragazzi colpiti dal terremoto del 24 agosto.

Da sempre lo sport è in prima linea quando si tratta di solidarietà, e anche nel caso del terremoto del 24 agosto che ha colpito l’Italia Centrale non sono mancati gli sportivi che ci hanno messo la faccia per aiutare la ricostruzione. In quest’ottica l’incontro di domani a Schio alle ore 16.45, con quattro sportivi che presenteranno un progetto di accoglienza dei ragazzi delle scuole medie di Arquata del Tronto. Saranno ospiti il grande ciclista Gianni Bugno, due volte Campione del Mondo e vincitore del Giro del 1990; gli scledensi Dall’Igna e Bardin, ingegnere di punta del team Ducati in MotoGP il primo e indimenticato portiere il secondo; e infine Mattia Petrucci, campione italiano di ciclismo allievi 2016.
Dopo un incontro sul tema dei terremotati e dello sport promosso a fine educativo gli sportivi si sposteranno nelle stanze dell’oratorio salesiano, dove il cuoco Claudio Ballardin offrirà una gustosa amatriciana, piatto simbolo del distrutto paese di Amatrice.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!