A spasso in carriola in centro storico. Addio al celibato con multa al promesso sposo

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Una scena del film "Una notte da leoni"

Addio al celibato, e addio anche a 250 euro dal portafoglio. L’ultima festa da “single” dell’amico promesso sposo, trascorsa in centro storico a Bassano del Grappa lo scorso week end tra scorrazzate in carriola, bevute dalla damigiana e “inequivocabile” dotazione di oggetti osè, costa anche la bacchettata della polizia locale a un gruppo di giovani della zona. I quali, evidentemente, hanno “esagerato nei modi e nei toni” – come affermato nella nota diffusa dal comando – assumendo comportamenti “contrari alla pubblica decenza”.

Una “notte da leoni” come nel celebre film? Non proprio. Piuttosto una serata in allegria e di goliardia come tante, alle quali si è abituati in particolare in Veneto dove l’addio al celibato viene considerato una sorta di rito di passaggio. Spesso vissuto senza freni e senza limiti, quasi un “porto franco” ideale in termini di trasgressione alle regole che però non l’ordinamento non riconosce – e ci mancherebbe – come tale. A raffreddare i bollenti spiriti del gruppetto di festanti, una pattuglia di agenti in servizio notturno in centro storico: troppo “spinti” e ritenuti quindi molesti, in ogni caso oltre i limiti imposti dal regolamento di polizia urbana, gli atteggiamenti della combriccola, sanzionata dunque per gli eccessi.

Da qui il “regalo di nozze” anticipato e offerto, si fa per dire, dagli agenti ligi al dovere, intransigenti quanto basta per per staccare un’unica contravvenzione. Un fuori programma sicuramente non molto gradito al futuro sposo, trovatosi nella situazione di fare buon viso a cattivo gioco facendosi carico della sanzione – che ammonta a 250 euro – e scusandosi pubblicamente. E, chi lo sa, magari offrendo perfino un bicchiere di vino dalla damigiana agli uomini in divisa costretti anche qui, per obblighi professionali, a declinare un brindisi con il promesso. Un episodio che ha strappato qualche risata extra e reso forse ancora più memorabile una serata da ricordare.

“Abbiamo sempre detto che Bassano è una città accogliente anche per tutte le persone che
vogliono divertirsi – sottolinea l’Assessore Angelo Vernillo – ma siamo sempre stati altrettanto chiari sul fatto che chi esagera, disturba, molesta la vita dei residenti o degli altri ospiti viene sanzionato. Se lavoriamo tutti con impegno su questo fronte i risultati arrivano. Ringrazio i nostri agenti per il loro lavoro e rivolgo ancora una volta un appello a tutti i cittadini perché segnalino ogni tipo di situazione anomala, solo così la nostra azione potrà essere sempre più efficace”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!