Grenfell Tower: ritrovato il corpo di Gloria Trevisan

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Dalle ceneri della Grenfell Tower di Londra è arrivata la conferma sulla morte di Gloria Trevisan. “Ormai è ufficiale, il corpo di Gloria è stato ritrovato”, a dare la notizia è stata Maria Cristina Sandrin, avvocato della famiglia Trevisan. Insieme alla ragazza di Camposampiero a perdere la vita in quell’inferno di fuoco il 14 giugno scorso, anche il fidanzato Marco Gottardi . “La famiglia è stata contattata dalla Farnesina il 23 giugno per la comunicazione del riconoscimento del corpo, avvenuto tramite le impronte dentarie”, spiega il legale. Il corpo di Gloria, che è stato ritrovato all’interno dell’appartamento, si trova ancora a Londra, a disposizione delle autorità. “Il riserbo dei parenti nella diffusione della notizia era legato al desiderio di aspettare che fosse ritrovato anche il corpo di Marco , ha precisato il legale.
“Purtroppo l’identificazione dei resti del giovane richiederà tempi diversi – ha proseguito Sandrin -. Per lui non è possibile fare ricorso alle impronte dentarie, ma si dovrà aspettare l’esame del Dna. Le famiglie stanno compiendo tutti gli sforzi in loro potere perché il loro desiderio era vederli rientrare in Italia insieme, ma più di questo non possono fare”.
Gloria Trevisan viveva con Marco Gottardi in un appartamento al 23mo e penultimo piano del palazzone di edilizia popolare di nord Kensington. Il corpo di Gloria, ritrovato all’interno dell’appartamento, si trova ancora a Londra a disposizione delle autorità.
La vicenda dei due giovani ha molto colpito l’opinione pubblica, entrambi 27enni veneti, laureati brillantemente in architettura, che un giorno decidono di lasciare l’Italia per cercare un futuro lavorativo migliore. E poi quell’ultima telefonata ai propri cari per rassicurarli convinti che l’arrivo dei vigilie del fuoco avrebbe risolto tutto. Invece il fuoco divampato al quarto piano non ha trovato alcuna resistenza, anzi si è alimentato grazie ai materiali altamente infiammabili usati per la ristrutturazione dell’edificio.
Poco dopo le 4 del mattino, i genitori di Gloria e Marco perdono ogni contatto con i due giovani. Prima che la linea telefonica cada, il ragazzo fa capire che la situazione è diventata di totale emergenza. Gloria, invece, indirizza un messaggio vocale alle sue amiche del gruppo Whatsapp: “Se capiterà qualcosa sappiate che vi voglio bene e ho voglia di vedervi”. E un altro, alle 4,07, per dire addio ai suoi genitori: “Mi dispiace tanto, non potrò più riabbracciarvi. Avevo tutta la vita davanti, non è giusto, non voglio morire. Io volevo aiutarvi, vi ringrazio per tutto quello che avete fatto per me”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!