Terrorismo a Londra: van su fedeli fuori da una moschea. Un morto e feriti. Arrestato un uomo

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Londra piomba di nuovo nel terrore. Ieri notte un furgone è piombato tra la folla al termine della preghiera serale per il Ramadan vicino a una moschea nel nord, nell’area di Finsbury Park. Secondo le autorità una persona è morta e almeno altre otto sono rimaste ferite. Secondo alcune testimonianze, un uomo, dopo aver travolto delle persone, sarebbe sceso dal van armato di coltello e avrebbe colpito una persona. Secondo quanto riportato dalla polizia però nessuna delle persone rimaste coinvolte ha riportato ferite da armi da taglio, né sono stati individuati complici, anche se continuano le indagini in questa direzione. Testimoni riferiscono di averlo sentito gridare frasi di odio contro i musulmani.
L’uomo alla guida del mezzo è stato arrestato: si tratterebbe di un uomo di 48 anni, che le fonti definiscono “bianco”.
Le indagini sono per terrorismo. Inizialmente la premier Theresa May aveva parlato di “un terribile incidente”. Poco prima dell’alba è stata però la stessa May a rendere noto che la polizia sta indagando su quanto accaduto come “un potenziale attacco terroristico”. Su Facebook il primo cittadino della capitale britannica ha aggiunto che i suoi “pensieri e le preghiere vanno a tutti i colpiti”. Anche il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha condannato il “terribile attacco terroristico contro persone innocenti”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!