Brescia, camion prende fuoco sull’A21: sei morti

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

A causa di un grave incidente sulla A21 tra Brescia e Manerbio sei persone hanno perso la vita: una famiglia intera, compresi due bambini, e l’autista di un camion.

Lo scontro ha trasformato il tratto di autostrada che tocca Brescia in un rogo, con una tale quantità di fumo nero e denso che ha reso difficilissima la vita dei soccorritori. La colonna nera è visibile a chilometri di distanza.

Secondo quanto hanno riferito i vigili del fuoco il bilancio è tuttora provvisorio ma l’incendio ora è sotto controllo. L’autostrada A 21 resta chiusa in direzione Nord verso Brescia. Domani sarà effettuato il sopralluogo dei tecnici per ricostruire l’esatta dinamica dello schianto nel quale sono rimasti coinvolti due camion, uno carico di benzina e l’altro che trasportava cereali, e una vettura con targa francese, con a bordo cinque persone.

Sempre secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, si suppone che lo schianto sia avvenuto nella coda che si è venuta a creare in seguito a un tamponamento fra tre camion nel quale erano rimaste ferite in modo non serio due persone.

Nella coda, un camion di sabbia avrebbe tamponato un’auto – quella in cui viaggiava la famiglia, tre adulti e due bambini – che, a sua volta, avrebbe colpito una cisterna che trasportava carburante. Il primo mezzo pesante ha finito la sua corsa schiantandosi a sua volta contro il camion cisterna, a quel punto si è innescata l’esplosione e poi l’incendio.

L’auto della famiglia si sarebbe trovata dunque imprigionata tra due camion, quello in fiamme davanti e quello che l’aveva appena tamponata dietro. Le vittime sono tutti gli occupanti dell’auto e l’autista del tir che trasportava sabbia.

I mezzi coinvolti si sono incendiati sotto il ponte della Sp24 che collega Montirone e Poncarale, mettendo a rischio la struttura. Il ponte è stato chiuso immediatamente. Spente le fiamme si dovranno effettuare le verifiche del caso per stabilire i danni, ma al momento è stato dichiarato inagibile.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!