E’ morto il cardinale Dionigi Tettamanzi, fu arcivescovo di Milano fino al 2011

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Dopo una lunga malattia, il cardinale Dionigi Tettamanzi si è spento in Brianza nella Villa del Sacro Cuore, la Casa di spiritualità della diocesi ambrosiana a Triuggio. Aveva 83 anni ed era stato arcivescovo di Milano dal 2002 al 2011. Aveva deciso di trasferirsi a Triuggio proprio dopo la fine del mandato, quando fu sostituito dal cardinale Angelo Scola.

L’annuncio della morte. A dare la notizia della scomparsa dell’arcivescovo emerito è stata l’Arcidiocesi di Milano. La Villa in Brianza dove viveva non era lontano da Renate, il paese dove era nato il 14 marzo 1934. Accanto a lui: i familiari e Marina, la sua storica assistente. Proprio venerdì si era appreso che le condizioni di salute del cardinale Dionigi Tettamanzi si erano improvvisamente aggravate, come avevano comunicato il suo successore Scola e monsignor Mario Delpini, il nuovo arcivescovo, i quali avevano invitato la comunità diocesana a pregare per lui.

Il cordoglio del Papa. Francesco ha inviato un messaggio per la morte di Tettamanzi al cardinale Angelo Scola. Nel telegramma si legge: “Desidero esprimere le mie condoglianze ai familiari e a codesta comunità diocesana, che lo annovera tra i suoi figli più illustri e tra i suoi pastori più amabili e amati. Penso con affetto e ricordo con gratitudine l’intensa opera culturale e pastorale profusa da questo benemerito fratello che nella sua feconda esistenza ha testimoniato con gioia il Vangelo e servito docilmente la Chiesa”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!