Napoli, palazzo va a fuoco: donna muore lanciandosi nel vuoto

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
I vigili del fuoco (immagine d'archivio)
Una donna di circa 50 anni e probabilmente di nazionalità russa è morta lanciandosi dal terzo piano nel tentativo di sfuggire ad un incendio divampato nello stabile in cui risiedeva in vico Lorenzo Giustiniani, una stradina stretta della zona del borgo Sant’Antonio abate, a Napoli. Il fatto è accaduto alle 4.30 e il rogo si è esteso in breve tempo.
Dalle prime indiscrezioni pare che la vittima, nel tentativo di sottrarsi alle fiamme, abbia scavalcato la ringhiera del balcone ma poi sarebbe scivolata cadendo nel vuoto.
Le fiamme sono state spente dai vigili del fuoco. Sul posto è intervenuta la polizia di Stato. Inutili i soccorsi per la cinquantenne, che è deceduta nell’impatto al suolo.
 
Tre persone, rimaste intossicate dai fumi, sono state ricoverate in ospedale ma le loro condizioni non sono gravi. Gli appartamenti invasi dalle fiamme sono stati complessivamente quattro. Diciotto quelli dichiarati inagibili, le cui famiglie sono ora in attesa di una sistemazione. La protezione civile comunale le sta assistendo. Sul posto la polizia di Stato che sta ricostruendo la dinamica dei fatti. Si sospetta possa essere stato un corto circuito a provacare l’incendio.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!