Pamela Mastropietro: sul corpo della 18enne anche il Dna di uno “sconosciuto”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Ci sono nuovi elementi nel caso dell’omicidio di Pamela Mastropietro. Sul corpo della 18enne romana uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio a Macerata, ci sarebbe anche il Dna di un “quinto uomo”. Si tratterebbe, secondo le perizie del Ris dei carabinieri, delle tracce di una persona che non compare nell’inchiesta che al momento resta a carico di quattro nigeriani.

Tre degli imputati sono in carcere, mentre uno è indagato a piede libero. Tutti sono accusati di concorso in omicidio, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere.

Intanto uno dei profili genetici individuati dai Ris è quello di Innocent Oseghale, il 29enne che abitava nell’appartamento dove la ragazza è stata uccisa e smembrata e attualmente principale indiziato.

Il secondo corrisponde al tassista, non indagato, che aveva avuto un rapporto sessuale a pagamento con Pamela il giorno precedente all’omicidio.

Il terzo Dna è invece quello di una persona non identificata. Sul corpo di Pamela i carabinieri non hanno invece trovato alcuna traccia degli altri due arrestati, il 22enne Desmond Lucky, e il 29enne Lucky Awelima.

La ragazza, secondo gli accertamenti tossicologici, aveva assunto eroina nei mesi precedenti alla morte che, per i medici legali, è stata provocata da due coltellate al fegato e non da overdose.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!