La danza di Eterno Uguale per chiudere la stagione teatrale

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Chiude in bellezza la 38^ Stagione Teatrale di Thiene con lo spettacolo di danza “Eterno uguale”, portato in scena venerdì 27 aprile alle 20.45.

La serata si struttura in due parti. La prima è aperta dal progetto supporter “Inside”, con coreografie di Barbara Canal e Angelo Monaco, danzato dagli allievi del Progetto Formazione Junior di Orizzonte Danza di Schio. Un lavoro che parla del mimetismo del branco, che con il suo potere forte e ancestrale garantisce ancora oggi la sopravvivenza di molte specie animali. Anche l’uomo sente il richiamo di questo istinto, ma prima o poi la sua essenza, unica e originale chiede di uscire. É allora che inizia il vero percorso di crescita che porta al miglioramento individuale e all’arricchimento dell’intero gruppo attraverso la diversità di ciascuno. Se stare nel gruppo dei pari fa sentire forti, essere diversi rende speciali.

Segue il Progetto Offbeat.lab, con “BlackBeat”. Black, “nero”, come la profondità di un mare feroce, come l’oscurità di un destino sconosciuto, come il buio spietato dell’indifferenza. La coreografia traccia la mappa di un ennesimo viaggio, tra i fotogrammi di una comunità che segue il battito di un sentimento collettivo, prima quieto e poi fremente, fiducioso e poi disingannato. Prigioniero di una fuga che chiede al mondo la libertà di danzare verso il futuro, spezzando le catene, lungo i confini del presente, scandendo gli attimi di una contemporaneità nuova e possibile. E il trionfo dell’amore. La coreografia è di Valerio Longo. Gli interpreti sono gli allievi del Progetto Offbeat.Lab – Padova Danza.

Nella seconda parte della serata andrà in scena la Compagnia “Kronos” di Orizzonte Danza “Eterno uguale”, ispirato all’eterno ritorno del sempre uguale di Nietzsche. L’ispirazione del nuovo lavoro della Compagnia Kronos nasce dal parallelismo tra questo concetto universale e la vita dell’individuo, rappresentata come cambiamento temporale ma non spirituale. L’anima non cambia, le emozioni che essa prova sono sempre uguali, il tempo che passa aiuta solamente a capire meglio se stessi.  L’adolescenza, maturità e vecchiaia confluiscono nella cascata senza fine dell’eterno ritorno e del sempre uguale. “Questa vita, come tu ora la vivi e l’hai vissuta, dovrai viverla ancora una volta e ancora innumerevoli volte, e non ci sarà in essa mai niente di nuovo, ma ogni dolore e ogni piacere e ogni pensiero e sospiro, e ogni indicibilmente piccola e grande cosa della tua vita dovrà fare ritorno a te, e tutte nella stessa sequenza e successione – e così pure questo ragno e questo lume di luna tra i rami e così pure questo attimo e io stesso. L’eterna clessidra dell’esistenza viene sempre di nuovo capovolta e tu con essa, granello della polvere!”. La regia è di Ornella Pegoraro, le coreografie di Barbara Canal, Francesca Foscarini, Angelo Monaco, Eleonora Pasin, Natalia Vinas Roig. I danzatori sono della Compagnia “Kronos” di Orizzonte Danza.

A unire le due parti, un percorso fotografico allestito nel foyer del Teatro con bellissimi “fermoimmagine” degli spettacoli della compagnia Kronos ad opera di Riccardo Panozzo.

La Compagnia “Kronos” di Orizzonte Danza, diretta da Ornella Pegoraro, si è formata nel 1980. In tutti questi anni ha svolto una notevole attività creando molte coreografie. Originali tra cui ricordiamo: “Haiku”, “Canto Hondo”, “The Mind’s Garden”, “Segreti Percorsi”, “Effetto Onda”, “Nad”, “Metamorphose”, “Dreams”, “Dimensioni Parallele”.

Il costante lavoro di ricerca e di aggiornamento di tutta la Compagnia ha portato nel corso degli anni, il crearsi di uno stile proprio svincolato da forme catalogate. Inoltre la collaborazione con alcuni maestri e coreografi internazionali fra i quali spiccano i nomi dei francesi Jean Marc Boitière, Anne Marie Porras, Didier Barbe, l’italo francese Angelo Monaco, la spagnola Natalia Vinas Roig e dell’americano Matt Mattox, che hanno anche firmato alcune coreografie per la Compagnia, ne arricchisce le esperienze artistiche.

Per informazioni, prenotazione e vendita biglietti: Servizio Promozione Eventi Culturali e Turistici, negli orari di apertura al pubblico, piazza A. Ferrarin 1, tel. 0445-804.745-943, e-mail: teatro@comune.thiene.vi.it, cultura@comune.thiene.vi.it.

Online su arteven.it e vivaticket.it by Best Union.

Biglietti: Platea e 1^ Galleria € 13,00, 2^ Galleria €10,00

Ascolta il Radiogiornale di oggi!