Torino, proteste contro il G7: notte di tensione | Occupato lʼateneo, “sarà la nostra base”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Dopo le prime avvisaglie di giovedì notte con lanci di uova contro la Cisl e la Fondazione Agnelli e la chiusura simbolica di un supermercato riprendono con più violenza nella notte gli assalti dei manifestanti a piazza Carlina, dove si trova l’hotel che ospita i ministri del G7 che per tutta la giornata di ieri è stata la meta dei manifestanti.
Nel pomeriggio ResetG7 ha occupato l’Università Palazzo Nuovo di Torino: tensioni anche in via Plana, un’altra delle vie che portano al centro storico, quando il corteo devia su piazza Vittorio per poi raggiungere i corridoi di Palazzo Nuovo, la sede delle facoltà umanistiche dell’università occupata e trasformata nella “base per le prossime iniziative di protesta”.
Venerdì sera nuovi cortei: quello dei comitati per il diritto alla casa, in zona Barriera di Milano, e quello principale riformatosi a Palazzo Nuovo. Piazza Carlina, l’hotel dei ‘potenti’, è ancora una volta l’obiettivo dei manifestanti, che per alcuni minuti bloccano il ponte della Gran Madre tra le proteste degli automobilisti. Uno cerca di superarlo e finisce per colpire alcune persone, senza però conseguenze.
In via Montebello alcuni cassonetti dell’immondizia finiscono in mezzo alla strada, uno viene incendiato.
Gli scontri si sono verificati in corso Vittorio, all’angolo con via Carlo Alberto, con il primo tentativo di raggiungere piazza Carlina e l’albergo che ospita le delegazioni internazionali. La polizia in assetto antisommossa effettua una carica di alleggerimento e fermato un giovanissimo. Il secondo è bloccato in via Della Rocca. Portati via dalla forze dell’ordine, e accompagnati negli uffici della questura, la posizione di entrambi è al vaglio degli inquirenti.
Cinque persone sono state fermate, tra cui tre giovani donne e un giovanissimo. La Polizia ha comunque evitato il contatto con i manifestanti e l’uso di lacrimogeni.
 
Il ResetG7, che raccoglie precari, disoccupati, anarchici, centri sociali e No Tav, promette di raggiungere oggi la reggia di Venaria, dove è in corso il summit sul lavoro.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!