Pil, Istat: +0,4% nel secondo trimestre, +1,5% su anno

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Secondo quanto comunica l’Istat nella stima preliminare corretta per gli effetti di calendario, rispetto al primo trimestre del 2017 il Pil italiano è aumentato dello 0,4% e dell’1,5% rispetto al secondo trimestre 2016.
Secondo l’istituto di statistica la crescita tendenziale è la più alta registrata da sei anni. Per trovare un valore maggiore bisogna tornare al primo trimestre del 2011 quando l’incremento era stato del 2,1%.
Il secondo trimestre ha avuto tre giornate lavorative in meno del trimestre precedente e due in meno del secondo trimestre 2016. La variazione congiunturale è sintesi di un aumento dell’industria e dei servizi, che hanno un “andamento omogeneo, con i servizi che mantengono un tasso di crescita importante” e di un calo dell’agricoltura.
Dal lato della domanda, si registra un apporto positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un limitato contributo negativo della componente estera netta. “Manteniamo un tasso di crescita consistente e persistente”, spiegano dall’Istat.
Il commento del premier “Istat: crescita 2017 prevista a +1,5%. Meglio delle previsioni. Una buona base per rilanciare economia e posti di lavoro“. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in merito alle stime preliminari sul Pil.
Soddisfatto anche l’ex premier Matteo Renzi, che commentando i dati ha detto: “Il tempo è galantuomo. La strategia di questi anni produce risultati. Scommettere sulla crescita, non sul declino”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!