Export vicentino in crescita (+2%) ma preoccupa la flessione del mercato tedesco

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Buone notizie per l’export vicentino, che prosegue il suo trend positivo, anche se si fa sentire il rallentamento dell’economia tedesca. Nei primi 9 mesi del 2019 le esportazioni manifatturiere vicentine toccano quota 13,3 miliardi di euro, in crescita del 2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, variazione doppia rispetto al +0,9% registrato a livello regionale. Vicenza intensifica la crescita che nei primi 6 mesi del 2019 era a +1,4%, in controtendenza con il dato regionale che passa dal +1,9% nella prima metà del 2019 al +0,9% con l’aggiornamento a settembre.

Questi i dati elaborati dall’Ufficio Studi di Confartigianato Imprese Vicenza che analizza anche le destinazioni delle merci vicentine. Ne emerge che l’intensificarsi della crescita dell’export manifatturiero vicentino è dovuta ad un miglior dinamismo dei mercati extra Unione Europea che crescono del +3,6% contro il +0,8% dei mercati dell’Ue a 28. In particolare, le esportazioni verso la Svizzera sono aumentate del +28,9%, grazie ad un consistente incremento delle vendite di articoli in pelle e simili (+78,3%, pari +157 milioni di euro).

Preoccupa invece la flessione delle esportazioni manifatturiere verso la Germania: il rallentamento della produzione industriale tedesca sembra mostrare i primi effetti anche sulla domanda estera delle imprese vicentine: se fino a giugno l’export vicentino verso il mercato tedesco era in positivo, con l’aggiornamento dei dati relativi ai primi nove mesi del 2019 si rileva un trend negativo pari a -0,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Una analisi più dettagliata mostra che la flessione coinvolge diversi settori, in particolare Articoli in pelle e simili (-8,9%, pari a -13,0 milioni di euro), prodotti chimici (-16,3%, -11,7 milioni di euro) e ad apparecchiature elettriche e non elettriche per uso domestico (-6,0%, pari a -11,6 milioni di euro).

Andrea Fasulo