Non rientra da un giro in mountain bike, ore di apprensione per Riccardo Martini. Appello del soccorso alpino

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Ore 14.50 

E’ Riccardo Martini, perito tecnico e quadro in una azienda di Arcugnano l’uomo scomparso da ieri nel corso di una escursione in moutain bike sulle prealpi vicentine.

Le squadre del soccorso alpino, dei vigili del fuoco e della protezione civile di Arsiero e Valdastico-Pedemonte, insieme a molti suoi amici, lo stanno cercando  dalle prime luci dell’alba. Al momento le ricerche sono concentrate nell’area fra Priaforà e Monte Novegno, dove la cella telefonica ha registrato l’ultimo contatto del suo cellulare, verso l’una di ieri pomeriggio.

I soccorritori, trasportati in quota dall’elicottero dei vigili del fuoco, stanno perlustrando la rete sentieristica e le strade silvopastorali. Riccardo è alto un metro e 75 per 70 chili, è calvo con la barba grigia e porta gli occhiali. La sua bici è nera e verde e solitamente indossa un caschetto blu. Il soccorso alpino lo sta cercando in questa zona, ma poiché potrebbe essersi spostato anche in altri punti, invita chiunque lo avesse incontrato o abbia sue notizie a contattare i carabinieri.

 

Ore 9

Ore di apprensione a Piovene Rocchette nella casa di un 52enne, scomparso da ieri pomeriggio.

L’uomo in tarda mattinata era uscito per fare uno dei sui soliti giri in mountain bike, dirigendosi verso Arsiero. In serata, quando la moglie non lo ha visto rientrare, ha dato l’allarme ai carabinieri, entrati in azione insieme ai vigili del fuoco.

Le ricerche, proseguite durante la notte, si sono intensificate questa mattina, coinvolgendo, dalle 7.30, anche il  soccorso alpino di Arsiero, allertato dal Suem 118.

Le ricerche si stanno concentrando nella zona di Priaforà e Monte Novegno, dove pare l’uomo si stesse dirigendo secondo quanto riferito dai familiari. L’ipotesi è avvalorata dall’analisi delle celle telefoniche, che hanno agganciato il cellulare del ciclista l’ultima volta proprio in quell’area. Al momento le ricerche sono quindi concentrate lì, con le squadre che stanno perlustrano la rete sentieristica.

Alle ricerche, come detto, partecipano gli operatori del soccorso alpino di Arsiero e Schio (in arrivo quelli di Verona con il centro mobile di coordinamento e Recoaro-Valdagno), i vigili del fuoco e numerosi amici dell’uomo. Il timore, ovviamente, è che l’uomo possa essere rimasto vittima di un incidente.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!