Perdono l’orientamento durante la gita sulla neve: soccorsi padre, madre e figlia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Trascorrono una giornata sulle montagne vicentine con levataccia all’alba e brividi al tramonto. Ha rischiato guai seri una coppia di genitori, di 40 e 37 anni, proveniente da Mestre, che insieme alla figlia di 14 mesi ha dedicato ieri un giorno di vacanza al trekking sulla neve: punto di partenza il Monte Corno (a 1345 metri di altitudine) di buon’ora e gita che doveva concludersi nel primo pomeriggio. Una volta perso l’orientamento e constatato con lucidità il pericolo imminente visto l’incedere dell’oscurità, i due adulti hanno richiesto i soccorsi. Prontamente raggiunti, sono stati tratti in salvo nel territorio montano di Lusiana.

Il centro del Soccorso Alpino e Speleologico di Asiago è stato allertato intorno alle 16 per prestare aiuto al nucleo famigliare. Itinerario alla mano, i tre erano saliti in auto fino al Monte Corno, tappe ristoratrici presso il Bivacco Rossingroba e l’Osteria Fontanella per poi ricongiungersi con altri familiari in vista del rientro a casa. Nella parte finale del percorso qualcosa non è andato come previsto, viene smarrito il sentiero maestro complice la neve copiosa sul terreno mentre il tempo scorre e consiglia prudentemente di chiedere aiuto.

Fondamentali in questi casi le coordinate Gps fornite via telefono, l’allerta fa scattare una motoslitta e una squadra a piedi del Cnsas Veneto che, in poche decine di minuti, raggiungono il luogo indicato e una volta localizzato il trio lo accompagna al sicuro. Senza conseguenza di alcun tipo, nemmeno per la bambina, salvo il brivido extra non legato stavolta alle rigide temperature di stagione.

 

Ascolta il Radiogiornale di oggi!