Usa: primo affondo di Trump all’Obamacare. Sì alla camera all’abolizione della legge

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Dopo tante sconfitte in questi primi mesi di mandato per Donald Trump, arriva una vittoria. La Camera dei Rappresentanti ha approvato infatti (seppur con un’esigua maggioranza, 217 voti a favore e 213 contrari) il progetto di legge per abolire e sostituire l’Obamacare, la riforma sanitaria targata Barack Obama. Importante vittoria per i repubblicani e il presidente Trump con la quale viene mantenuta la promessa della campagna elettorale di disfarsi della riforma.
Il provvedimento dovrà ora essere valutato dal Senato, dove raccogliere i voti sarà però più difficile. Lì i repubblicani hanno una maggioranza esigua e già dei componenti dello stesso partito di Trump dichiarano di non voler votare la legge.
L’Obamacare è stata una catastrofe, ora è morta“: esulta il tycoon. “E’ un grande piano e sono fiducioso che passera’ anche al Senato”, afferma il presidente americano che ha riunito nel Rose Garden della Casa Bianca tutti i deputati repubblicani, congratulandosi in particolare con lo speaker Paul Ryan.
Gravi conseguenze per molti malati. Dure le critiche verso il provvedimento da parte dei democratici e delle associazioni di medici. ”Si rischiano gravi danni per i pazienti, milioni di americani perderanno l’assicurazione sanitaria come diretto risultato del progetto” afferma l’American Medical Association. Critici anche molti senatori repubblicani, che intendono rivedere la misura quando e se arrivera’ in Senato.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!