I partiti verso il voto: si delineano le squadre di governo

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Berlusconi annuncia che Antonio Tajani ha dato la disponibilità a guidare il prossimo governo di centrodestra e il presidente del Parlamento europeo scrive su Twitter: “Ora ogni ulteriore decisione spetta ai cittadini e al presidente della Repubblica”. Il colpo di teatro è arrivato in serata, durante la trasmissione Matrix, quando Silvio Berlusconi dice: “Sono lieto di potervi annunciare una buona notizia, l’attuale presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha finalmente sciolto la riserva e ha dato la disponibilità a guidare il prossimo governo di centrodestra”. Il leader di Forza Italia, sottolinea anche la bontà della scelta del candidato premier. “In Europa tutti guardano a lui come il migliore presidente del Parlamento europeo – ha detto a “Mattino Cinque” -. Sarebbe per noi un vantaggio avere un personaggio così per proteggere i nostri interessi”.

“Ringrazio Il Presidente Berlusconi per il suo atto di stima nei miei confronti. Ho dato a lui,stasera,la mia disponibilità a servire l’Italia.Ora ogni ulteriore decisione spetta ai nostri concittadini ed al Presidente della Repubblica”, ha twittato in risposta all’annuncio Tajani.

Luigi Di Maio ha invece presentato a Roma la squadra di governo del M5S
e propone il deputato Alfonso Bonafede come ministro della Giustizia, la dottoressa Elisabetta Trenta alla Difesa che, nelle sue attività, annovera quella di consigliere politico nella missione “Antica Babilonia” in Iraq. Riccardo Fraccaro, tra gli esponenti del Movimento più vicini a Luigi Di Maio, è il candidato per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta. La professoressa Emanuela Del Re è stata scelta dai pentastellati per il ministero degli Esteri. La criminologa e professoressa Paola Giannetakis è stata invece designata per il ministero dell’Interno.
E ancora, Andrea Roventini al Tesoro, Armando Bertolazzi alla Sanità, Salvatore Giuliano all’Istruzione.

Su quest’ultimo però Matteo Renzi del Pd dice: ‘E’ un preside, anche bravo, che ci ha aiutato a scrivere la riforma della Buona scuola’ che i pentastellati ora vogliono smantellare. Ma l’interessato replica: Non ho scritto un rigo della Buona Scuola.

Poi il segretario Pd a Repubblica tv ha dichiarato: “Per essere primo gruppo parlamentare, bisogna prendere i voti. E allora il fatto che Letta, Prodi e altri, abbiano annunciato chi il sostegno al Pd chi alla coalizione e all’azione di Paolo Gentiloni, non mi brucia anzi mi fa piacere. Il problema sono ‘i D’Alema’ che rischiano di far vincere la Lega”. Se Mattarella “darà l’incarico a Gentiloni o un altro – ministro o non ministro – del Pd, avrà il mio totale sostegno” ha aggiunto Renzi

Infine Giorgia Meloni di FdI ha citato il governo ombra M5s definendo i ministri di Luigi Di Maio dei “malcapitati”. Ha ricordato: “Anche Virginia Raggi ha presentato la sua squadra di Governo prima delle elezioni e poi ci ha messo quasi due anni a finirla”. Quindi ha annunciato l’intenzione di istituire il ministero della Giustizia sociale, del Turismo, del Made in Italy, del Lavoro e delle professioni.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!