“Progetto Riace” verso la chiusura: il Viminale ordina il trasferimento dei migranti

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
lapresse - limmo lucano - Foto Roberto Monaldo / LaPresse 31-03-2016 Roma Politica Il Sindaco di Riace Domenico Lucano ospite a "Porta a Porta" Nella foto Domenico Lucano Photo Roberto Monaldo / LaPresse 31-03-2016 Rome (Italy) Tv program "Porta a Porta" In the photo Domenico Lucano (Riace's Major)

Il “progetto Riace” si avvia verso la chiusura. Con una delibera datata 9 ottobre infatti, il Viminale ha ordinato la chiusura di tutti i progetti legati all’immigrazione portati avanti nel comune calabrese. Tutti i migranti entro 60 giorni saranno trasferiti, mentre il sindaco Domenico Lucano resta ai domiciliari con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Una pressione che sul comune va avanti da mesi. Già nei mesi scorsi proprio il ministero aveva messo in dubbio, registrando anomalie, la gestione dei migranti posta in essere da Lucano. Nel nuovo provvedimento sono contestate altre 34 irregolarità che vanno dai bonus alle borse di lavoro, fino all’eccessivo uso dei permessi dei lungopermanenti, quei migranti che richiedono asilo e sono in condizioni di vulnerabilità.

In generale i progetti Sprar vengono rinnovati ogni tre anni: nel caso di Riace si parla del triennio 2017-2019, ma già dall’estate scorsa il Viminale aveva bloccato alcuni pagamenti per anomalie nella documentazione presentata dall’amministrazione locale. Nel 2018 il comune di Riace non ha ricevuto fondi e il 30 luglio scorso il sindaco era stato avvisato della revoca dei finanziamenti, diventata ufficiale all’inizio di questa settimana.

Chi sbaglia, paga. Non si possono tollerare irregolarità nell’uso di fondi pubblici, nemmeno se c’è la scusa di spenderli per gli immigrati”, ha detto in proposito il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Sotto la lente d’ingrandimento è tutto il “modello Riace”, quell’accoglienza diffusa che aveva rianimato un paese morente. L’uso delle case vuote per ospitare gli stranieri e il mancato aggiornamento delle banche dati sono stati tra gli elementi più contestati dal Viminale.

Ma il comune non ha intenzione di piegarsi e già prepara il ricorso al Tar che potrebbe sospendere la delibera. “Vogliono soltanto distruggerci. Nei nostri confronti è in atto ormai un vero e proprio tiro incrociato. I nostri legali, comunque, stanno già predisponendo un ricorso al Tar contro la decisione del Viminale”, ha commentato il sindaco Mimmo Lucano. “Io mi chiedo come sia possibile pensare di distruggere in questo modo il ‘modello Riace’, descritto da innumerevoli personalità, politici, intellettuali, artisti, come un’esperienza straordinaria. Non si può cancellare una storia semplicemente straordinaria e che ha suscitato l’interesse e l’apprezzamento di tutto il mondo. Lo Stato continua incredibilmente a darci addosso. La mia amarezza è immensa”, ha aggiunto il primo cittadino.

I migranti di Riace, secondo quanto si apprende, verranno trasferiti già dalla prossima settimana e e nel giro di un mese dovrebbero essere tutti ricollocati in altri centri. Il coordinamento delle operazioni è affidato al Servizio Centrale, ufficio istituito dall’Anci che gestisce la rete Sprar.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!