Marano con Amnesty a due anni dal caso Regeni: pronto uno striscione illuminato

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Anche Marano Vicentino accenderà una delle mille simboliche luci a due anni esatti dalla scomparsa di Giulio Regeni. Schierandosi con Amnesty International Italia e con l’obiettivo di far luce, appunto, sul caso del ricercatore nato a Trieste rapito, torturato e ucciso in Egitto nel gennaio 2016, e poi ritrovato cadavere al Cairo il 3 febbraio dello stesso anno. L’amministrazione comunale ha aderito all’iniziativa e nel dettaglio illuminerà, domani sera, uno striscione dedicato a Regeni, già da tempo appeso sulla facciata del Municipio.

“Verità per Giulio”. Questo l’appello che ormai da due anni tormenta non solo la famiglia di origini friulani del dottorando morto, a soli 28 anni, in circostanze ancora oggi misteriose. “Insistiamo giorno dopo giorno nel chiedere la verità – spiega il sindaco di Marano Marco Guzzonato -. Due anni fa, in febbraio, abbiamo appeso in Comune lo striscione giallo per Giulio e ancora oggi teniamo alta l’attenzione su questo caso e sulle tante, gravi violazioni dei diritti umani che continuano a restare sotto silenzio”.

Alle ore 19.41 di giovedì saranno accese le luci in decine di piazze, municipi e spazi pubblici in tutta Italia. Particolarmente sensibile alla vicenda l’amministrazione del paese altovicentino che, dallo scorso ottobre 2017, ha anche aderito all’iniziativa della “scorta mediatica”, lanciata da Amnesty International Italia con la Federazione Nazionale della Stampa, l’associazione Articolo 21 e la famiglia del giovane.
Il fine? Chiamare a raccolta gli operatori dell’informazione affinché continuino a ricercare la verità sul sequestro, sulla tortura e sull’uccisione di Giulio Regeni, e a dare costanti notizie sulle violazioni dei diritti umani in Egitto. Per l’occasione è stato allestito in Biblioteca civica a Marano uno spazio dedicato al caso Regeni dove è possibile trovare libri, riviste, materiali tematici e i gadget dedicati a questa triste pagina irrisolta di storia recente.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!