Nuova casa per la Croce Rossa di Thiene: trasloco in vista all’ex pronto soccorso

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
La firma della convenzione (da sx Bortolotto, in piedi Casarotto e Roberti)

Una nuova sede per la Croce Rossa: ampia, confortevole e soprattutto unica. Tra poco più di un mese circa 300 metri quadri saranno a disposizione dei 200 volontari thienesi: i locali dell’ex pronto soccorso del “Boldrini” sono già sistemati e tinteggiati di fresco, pronti quindi per il trasloco imminente. Siglata nei giorni scorsi, infatti, la convenzione con l’Ulss 7 Pedemontana che concede l’uso di uno spazio adatto non solo per la dislocazione degli uffici ma anche per la rimessa delle autoambulanze in dotazione al comitato Cri locale.

Questo permetterà di unificare tutte le attività dell’ente di volontariato, ospitate fino ad oggi all’interno della casa-albergo per anziani in via Corradini e presso il cortile dei Padri Comboniani in via Dante. I cinque veicoli predisposti per le emergenze sanitarie a disposizione – auto polifunzionali di soccorso e autoambulanze – e le attrezzature sanitarie saranno quindi riuniti in un’unica area garantendo una maggior efficacia nelle tempistiche di intervento, migliorando il servizio e inserendolo nel polo sanitario intorno all’edificio dell’ex Boldrini.

Un accordo tra più parti, amministrazione comunale, azienda sanitaria e associazioni di volontariato sociale, che s’inserisce inoltre nell’ottica della riqualificazione del vecchio ospedale. La firma alla convenzione è stata apposta da Giorgio Roberti, dg della Ulss 7 Pedemontana e da Andrea Bortolotto, presidente Cri Thiene. La struttura è stata concessa in comodato per attività socio-sanitarie in favore delle fasce deboli della popolazione.

Alessandra Corò, direttrice del distretto Thiene-Schio: “la Croce Rossa riveste un ruolo importante per i trasporti di persone non autosufficienti e con problemi di deambulazione, di questi spostamenti ne avvengono circa 1500 all’anno nel distretto, anziani o persone con disabilità che devono effettuare visite o interventi. Inoltre è importante il servizio a favore delle persone dializzate e che a volte hanno bisogno di spostarsi anche fuori Ulss o fuori provincia: assegnare per ciascuno intervemto un’ambulanza significherebbe tenerla occupata per tempo lunghi”.

Giovanni Casarotto, primo cittadino di Thiene, in prima persona aveva da tempo auspicato l’individuazione di una sede nuova e unica per il comitato, in tempi ragionevoli: “abbiamo mantenuto l’impegno di far partire questa convenzione entro il 2017, dopo il trasloco la nuova location sarà subito operativa”.

Intanto, via social, anche i volontari del comitato crocerossino thienese si rimboccano le mani per rendere il più possibile efficiente e confortevole la nuova ubicazione, uno spazio più ampio rispetto al precedente. Materiale e mezzi utili richiesti sono mobilio per uffici in buono o meglio ancora ottimo stato (scaffali, armadi, sedie, poltrone per operatore, mobili, scrivanie, pc, lampade etc), furgoni o piccoli camion per il trasloco e un cassonetto luminoso su cui porre l’insegna, emblema della Croce Rossa riconosciuto su scala planetaria.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!