L’arbitro recoarese Orsato “spedito” in Russia: sarà alla var per i Mondiali

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Un vicentino ai Mondiali ci sarà. Non sarà un Roberto Baggio come negli anni ’90 tra Italia, Stati Uniti e Francia, e non scenderà nemmeno in campo, ma si gusterà – si fa per dire – il top del pallone globale davanti ad un video. Un po’ come tutti gli appassionati del pallone ma con un ruolo decisivo. Si tratta dell’arbitro internazionale Daniele Orsato, ufficializzato dall’Associazione Italiana Arbitri come partente nella spedizione russa: si occuperà della “var” – acronimo inglese di video assistent referee – insieme ai colleghi Irrati e Valeri farà parte di un team di tredici paia di “occhi di lince elettronici” chiamati ad assistere i direttori di gara in campo.

Per l’Italia l’arbitro prescelto ad armarsi di fischietto è, come noto, il fiorentino Gianluca Rocchi. Per Orsato, che proviene dalla sezione arbitri di Schio, l’investitura a collaboratore stanza dei bottoni non si tratta di un premio di consolazione ma del riconoscimento della sua esperienza in ambito internazionale. La nomina ufficiale, comunque già da tempo nell’aria, è stata data Pierluigi Collina, oggi manager dei direttori di gara della Fifa a capo della commissione arbitri.

Una notizia, quella del’incarico affidato al cittadino di Recoaro più conosciuto non solo Italia ma anche in Europa, che probabilmente non placherà l’eco delle contestazioni a lui indirizzate dopo la discussa direzione di gara di sabato sera – Inter-Juventus – che a distanza di tre giorni impazza sui media sportivi nazionali.

Polemiche non ancora sopite che si scostano in secondo piano per Orsato, che a 42 anni potrà vivere in prima persona l’appuntamento sportivo più atteso del 2018, portando con lui anche i colori vicentini festeggiato dai colleghi della sezione Aldo Frezza di Schio. “Spifferi” che non macchiano la carriera straordinaria iniziato nell’autunno del 1992, quando frequentò il corso arbitri, salendo di categoria in categoria fino all’esordio in serie A nel 2006, a soli 31 anni, giovanissimo per lo standard richiesto allora alle ex giacchette nere. Internazionale dal 2009, ha diretto svariati incontri di Champions League e di squadre nazionali, raggiungendo la classe èlite degli arbitri Uefa nel 2015.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!