Vicentino con precedenti fotografa di nascosto bimbe in spiaggia: evitato il linciaggio

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Un presunto pedofilo vicentino di 61 anni è stato salvato stamattina dalla polizia in spiaggia a Rimini dalla furia di alcuni genitori, che volevano linciarlo dopo essersi accorti che fotografava alcune bimbe con una spy-cam, una telecamera nascosta.

Erano passate da poco le 11. Da quanto emerso, sembra che l’uomo si aggirasse sulla riva con una atteggiamento che ha insospettito alcuni bagnanti: sembrava stesse telefonando, ma poi i genitori delle bimbe si sono accorti che l’uomo, tenendo la mano lungo il fianco, stava in realtà riprendendo le bimbe con un piccolissimo apparecchio elettronico. L’uomo è stato quindi accerchiato e solo l’arrivo dei militari della capitaneria di porto ha evitato che venisse pestato.

Calmati gli animi, i militari hanno chiamato la polizia, che ha portato il 61enne in questura. Nella memoria della spy-cam, che è stata sequestrata, gli agenti hanno trovato 200 foto “rubate” di bambine che facevano il bagno al mare. L’uomo, peraltro, ha un precedente per aver acquistato sul web immagini pedopornografiche.

Il vicentino è stato quindi denunciato in stato di libertà per molestie e il Questore ha emesso a suo carico un foglio di via da Rimini.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!