Calcio a 5. L’Arzignano piega il Carrè Chiuppano

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Foto Andrea Benedetti Vallenari

Sconfitta di misura per la prima squadra del Carrè Chiuppano che, in casa dell’Arzignano, perde per 4-5 il primo match della nuova stagione sportiva di campionato A2.

Nove e lode per Real Arzignano e Carrè Chiuppano di fronte a 500 spettatori. La spuntano Marcio e compagni dopo 40′ di spettacolo e un finale da film thriller. Doppiette di Houenou e Zanella, eurogol di Pedrinho e Urbani eroe di giornata.

Se non ti lecchi le dita godi solo a metà? E allora se leccano eccome i componenti di ogni ordine e grado del popolo del futsal arzignanese: si gustano anche le briciole di un derby fantastico come catapulta verso un campionato di serie A2 verniciato subito da una galleria d’arte di uomini e mezzi (tecnici) racchiusi in uno show riuscitissimo alla “prima” stagionale.

Tutti i 500 e passa del Palatezze se la sono goduta, pur se fra i contrastanti umori di vincitori e vinti, perchè il 5-4 conclusivo premia sì il Real Arzignano di uno Stefani straripante in panchina ma elogia di rimpallo anche un Carrè Chiuppano fresco d’impasto che, se saprà sfornare concentrazione alta per tutti e 40′ di gioco in futuro, saprà divertire e divertirsi nel ballo delle matricole di A2.

HIGHS RACCONTATI – Fuori dai giochi Tres da una parte e Buonanno dall’altra, entrambi per squalifiche pendenti in eredità dallo scorso torneo. Prime battute con più possesso palla ospite ma più consistenza degli arzignanesi in avanti, complice l’ottima vena di Houenou che da quasi subito si meriterà i galloni di mvp del match. Suo il primo lampo al 3′, tiro in caduta fuori specchio. Nel primo starting five dell’annata anche l’altro talento di casa, Rosa, con mister Stefani mentore dei due baldi giovani deciso a rinnovar loro da subito fiducia piena. Risposta ospite con il redivivo Zannoni, al bis in maglia “CC” oltre un lustro dopo, che prova ad azzannare Urbani da sinistra con sfera calciata però troppo stretta sul fondo. Bastano 5′ di partita per (ri)applaudire Ranieri versione (top) player, applausi bipartizan dalle due tifoserie al suo ingresso così come per Amoroso poco più tardi. Dopo di lui si replica per il rientro in pista anche del figliol prodigo e d’arte Joao Brancher, oltre al benvenuto a Kokorovic che disputerà un’ottima gara tra chiusure ermetiche in retrovia e un paio di assist di classe in avanti, impreziositi da un sigillo personale più tardi. Il nuovo Arzignano piace al suo pubblico, è evidente, tra le leggende di mister 50 Marcio, Ranieri e Amoroso (75 in coppia) e le speranze i baldi giovanotti lanciati sul Palatezze.

Il tabellino

ARZIGNANO: Zambello, Ranieri, Houenou, Joao, Marcio, Rosa, Kokorovic, Concato, Amoroso, Salamone, Del Gaudio, Urbani. All. Stefani.

CARRÈ CHIUPPANO: Tatonetti, Restaino, Rossi, Masi, Ballardin, Douglas, Mielo, Pedrinho, Zanella, Zannoni, Josic, Resner. All. Valter Ferraro.

RETI: p.t. 5’23” Zanella (CC), 7’50” Ranieri (A), 15’29” Houenou (A). S.t. 0’08” Douglas (CC), 2’57’’ Joao (A), 13’32’’ Kokorovic (A), 17’20’’ Houenou (A), 17’34’’ Zanella (CC), 19’27” Pedrinho (CC).

 

Ascolta il Radiogiornale di oggi!