Terrorismo, arrestato a Ferrara il fratello del killer di Marsiglia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
E’ stato arrestato mentre si aggirava disarmato per le vie di Ferrara Anis Hannachi, uno dei fratelli di Ahmed, il killer di Marsiglia.  L’uomo, che era monitorato dai servizi, è stato individuato con precisione ieri mattina e bloccato dalla polizia di Bologna e Ferrara ieri sera su disposizione della procura Antiterrorismo di Roma che ha dato seguito a un mandato di arresto europeo della magistratura francese. L’accusa ipotizzata dagli inquirenti transalpini nei confronti del 25/enne tunisino e’ partecipazione ad associazione terroristica e complicita’ nel delitto commesso dal fratello: potrebbe essere stato lui, sarebbe questa l’ipotesi investigativa, a radicalizzare Ahmed, indottrinandolo e avvicinandolo ai principi della jihad.
Il tunisino Ahmed Hannachi, che ha vissuto ad Aprilia per otto anni, il primo ottobre ha ucciso a coltellate due donne alla stazione Saint-Charles di Marsiglia. Secondo alcuni testimoni avrebbe urlato “Allah Akbar” durante l’assalto, ma la matrice del terrorismo islamico è ancora da verificare nonostante il gesto sia stato rivendicato dall’Isis.
La procura di Roma nel frattempo ha aperto un fascicolo per associazione terroristica, e i magistrati sono in attesa di ascoltare Ramona Cargnelutti, la moglie di Ahmed Hannachi. I due si sono sposati ad Aprilia nel dicembre del 2008, poi dopo una relazione travagliata hanno deciso di lasciarsi e ora la donna vive a Biserta, in Tunisia, con un altro uomo. Il suo rientro in Italia è previsto nei prossimi giorni.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!