Da Montecchio a Trissino per difendere l’acqua dai Pfas: i comitati alla “marcia dei Pfiori”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Un momento della manifestazione dello scorso anno

Mamme, papà, bambini cittadini attivi, gruppi, comitati, associazioni e movimenti pronti ad una mobilitazione per dire “basta ai Pfas”. Domani, con partenza da Montecchio Maggiore, ci sarà la seconda edizione della Marcia dei Pfiori, una manifestazione voluta da vari movimenti che si occupano della questione dell’inquinamento della falda con sostanze perfluoroalchiliche tra il Basso Vicentino, la Bassa Padovana e il Basso Veronese, originato secondo l’Arpav in anni passati dall’industria chimica Miteni di Trissino.

Proprio davanti alla Miteni giungerà il gruppo in bicicletta, portando dei fiori che verranno depositati davanti al municipio di Trissino. “Si vuole ripercorrere con gli stessi simboli che rappresentano il futuro compromesso delle nostre terre – i nostri figli, i fiori con la p inquinante – il dramma delle nostre valli, contaminate da decenni con sostanze pericolose, tossiche, cancerogene che hanno danneggiato gravemente le falde, la potabilità delle acque, il ciclo alimentare-biologico” spiegano gli organizzatori.

Con la marcia gli aderenti chiedono: “Che sia garantito un approvvigionamento dell’acqua potabile e irrigua da fonti sicure, che i limiti dei Pfas siano portati in prossimità dello zero, che sia dato libero accesso alle analisi del sangue a tutti i cittadini nell’area contaminata, che sia messo in atto il sequestro e la bonifica della Miteni, accompagnate da un serio piano di tutela per i suoi lavoratori, che la Miteni sia costretta a pagare gli ingenti costi passati, presenti e futuri dei filtri a carboni attivi, la bonifica dell’area contaminata e le spese sanitarie di ogni ordine e grado”.

La manifestazione avrà una doppia modalità: per chi vuole partire in bicicletta il luogo di ritrovo sarà piazza del Duomo a Montecchio Maggiore alle 9, con partenza alle 9,45. Verranno percorsi cinque chilometri della Strada Provinciale 246 verso Valdagno, chiudendo il flusso ordinario al traffico automobilistico. Sul piazzale di fronte alle Miteni, dalle 10,30, per coloro che arriveranno con altri mezzi, inizierà l’assembramento di tutti i convenuti. Alle 11 partirà il corteo – a piedi e con bici al seguito, a mano – fino al centro di Trissino, dove di fronte al municipio si svolgerà un dibattito informativo e un’installazione allegorica con tema il tubone Arica.

Alla mobilitazione partecipano anche il Movimento Cinque Stelle, il Pd provinciale e Rifondazione Comunista.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!