Enrico Bozzetto muore nel sonno a 41 anni: oggi l’autopsia

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

L’ha trovato martedì pomeriggio la madre Elena morto a letto: se n’è andato così a 41 anni (ne avrebbe compiuti 42 il giorno di Natale) Enrico Bozzetto, sportivo e figlio di Paolo Bozzetto. Quest’ultimo è un assicuratore molto noto e soprattutto ex pilota di Formula 2 e Formula 3 negli anni ’70, nonché di rally.

La famiglia è originaria di Breganze ma vive a Bassano del Grappa, dove è molto conosciuta: oltre al padre Paolo e alla madre Elena, ne fa parte l’altro figlio, Filippo.

Ora sarà l’autopsia, che si svolgerà stamane all’ospedale San Bassiano, a far luce sulle cause della morte. A chiederla è stata proprio la famiglia del 41enne, che lavorava al controllo Green Pass in un’azienda di Bassano. La madre ha raccontato a Il Giornale di Vicenza di aver trovato il figlio morto a letto verso le 17, dopo che in mattinata era rientrato dal turno di lavoro ed era andato a coricarsi. Inutili i soccorsi da parte del Suem 118: non hanno potuto che constatarne il decesso per cause naturali. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Bassano.

“Enrico aveva fatto le due dosi di vaccino lo scorso settembre – hanno spiegato i genitori al giornale locale – e da quel momento non è più stato bene come al solito, si diceva stanco e aveva spesso mal di testa. Vogliamo solo capire cos’è successo, abbiamo bisogno di questa risposta”. Il 41enne era un affermato sportivo, in particolare nella disciplina della corsa. L’estate prossima doveva gareggiare nelle olimpiadi promosse in Spagna da “Allianz Sports”. Pochi mesi fa per questo aveva fatto le visite sportive – riporta sempre il quotidiano locale – e gli era stato trovato un problema cardiaco. Era stato quindi invitato a ripetere gli esami a distanza di qualche mese. Ogni anno in Italia muoiono per malattie cardiovascolari più di 230 mila persone (dati Istat 2017): 638 al giorno, ma il numero è triplicato nel primo anno di Covid, il 2020.