Francia. Attentato a Trebes. Morto il gendarme che si era offerto al posto di un ostaggio

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il gendarme-eroe non ce l’ha fatta. Arnaud Beltrame è morto oggi in seguito alle ferite riportate ieri nell’attacco terroristico di Trebes, in Francia. A scriverlo su Twitter il ministro dell’Interno francese, Gerard Collomb. Beltrame, 45 anni, si era offerto al terrorista al posto di una donna ostaggio. “Il tenente colonnello Arnaud Beltrame ci ha lasciato. È morto per la patria. La Francia non dimenticherà mai il suo eroismo, la sua bravura, il suo sacrificio. Con il cuore addolorato, invio la vicinanza di tutto il Paese alla sua famiglia, i suoi parenti e i suoi colleghi della Gendarmeria dell’Aude”, scrive il ministro su Twitter pubblicando una foto del tenente colonnello con la bandiera tricolore francese. Con la morte di Beltrame, il bilancio dell’attacco terroristico di ieri sale a quattro vittime e 14 feriti.
Anche il presidente francese Emmanuel Macron ha reso omaggio ad Arnaud Beltrame, dichiarando che il tenente colonnello è “morto da eroe” nell’attacco terrorista avvenuto ieri a sud della Francia, e “merita il rispetto e l’ammirazione della nazione intera”. Il presidente ha aggiunto che Beltrame ha fatto “prova di un coraggio e di un’abnegazione eccezionali”.
Secondo un quotidiano locale, Beltrame aveva da poco organizzato un’esercitazione con i suoi uomini. Il tenente colonnello, si apprende, aveva voluto simulare – come in una premonizione – un attacco terroristico contro un supermercato.
L’attacco dell’Isis. Ieri si sono vissute ore di terrore a Trebes, in Occitania. Al grido di “Allah Akbar”, l’assalitore, Redouane Lakdim, marocchino di 25 anni, ha preso in ostaggio numerose persone all’interno di un supermercato ed è stato ucciso dopo circa quattro ore dalle teste di cuoio. Il sequestratore, che ha dichiarato di essere “un soldato dell’Isis”, chiedeva la liberazione di Salah Abdeslam, l’unico superstite degli attentati parigini del 13 novembre 2015, attualmente incarcerato in Francia.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!