Lutto nel nuoto: morto Mattia Dall’Aglio, aveva 24 anni

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Lutto nel mondo del nuoto italiano. E’ stato trovato privo di vita in una palestra dove si allenava Mattia Dall’Aglio. Il 24enne, emiliano, stileliberista, è morto nel pomeriggio di domenica 6 agosto a Modena, stroncato probabilmente da un infarto mentre stava facendo pesi in una struttura che si trova vicino il comando di via Formigina a Modena. Pare che cadendo il giovane abbia sbattuto la testa.
A scoprire il nuotatore ormai senza vita è stato un vigile del fuoco. Nato a Montecchio e residente a Reggio Emilia, Mattia nuotava nella piscina in via Monsignor della Valle.
Il pompiere che l’ha trovato ha tentato di rianimarlo, anche col defibrillatore, ma non c’è stato nulla da fare. È intervenuta la polizia e sono accorsi sconvolti anche i compagni di squadra e subito dopo da Reggio sono arrivati i genitori. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta dal pm Katia Marino. Secondo le prime informazioni pare che l’atleta fosse solo al momento del malore, occorso mentre si stava allenando nella sala pesi e dunque non ci sono testimoni. Un amico ha riferito agli inquirenti che Mattia soffrisse di anemia falciforme, che non sarebbe comunque la causa del decesso.
Il corpo è stato trasferito nell’Istituto di medicina legale in attesa dell’autopsia. Dall’Aglio partecipava sempre ai campionati italiani, e si era laureato in Economia a Modena settore Marketing. Era tesserato con la Reggiana e aveva conquistato tre titoli italiani giovanili con il Club Vigili del Fuoco di Modena dal 2008 al 2010.
Il presidente della Federnuoto, Paolo Barelli, a nome di tutta la federazione ha espresso “le più sentite condoglianze alla mamma Fabrizia, al papà Gianluca, ai familiari tutti ed amici e a tutti coloro i quali hanno avuto il privilegio di conoscerlo”.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!