Siccità, ad Altissimo e Nogarole stop all’acqua dai rubinetti per 14 ore al giorno

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Siccità, la crisi idrica sta diventando grave in alcune parti della provincia. In particolare, nell’alta Val Chiampo i sindaci e il gestore Acque del Chiampo Spa in queste ore hanno dovuto adottare una misura d’emergenza: una sospensione dell’acqua dei rubinetti a fasce orarie, per 14 ore al giorno.

Nell’area ormai da settimane il riempimento delle cisterne che garantiscono l’erogazione di acqua del rubinetto è affidato ad autobotti che portano il prezioso liquido blu dal fondovalle, con un via vai quotidiano: le sorgenti sono scariche, vista la siccità prolungata in primavera e l’assenza di nevicate in inverno. La situazione è sempre più critica, la pressione nei rubinetti dei due Comuni di Nogarole e Altissimo nel fine settimana si era ridotta al minimo. Così, gestore e Comuni hanno deciso una misura che in zona non veniva adottata da anni: la sospensione – per ora fissata per una settimana – sarà in vigore dalle 14 alle 18 e dalle 20 alle 7.30 del mattino. In parallelo, i sindaci hanno deciso di dare un giro di vite ai comportamenti domestici ritenuti inaccettabili, proprio per la crisi idrica che l’area sta vivendo: all’acqua razionata si accompagneranno sanzioni per chi riempie d’acqua le proprie piscine, lava la macchina o usa acqua del rubinetto per abbeverare gli orti.

In questa settimana di tempo le autorità sperano di poter riempire a sufficienza le cisterne da poter togliere il razionamento; in caso contrario, verrà prolungato.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!