Maltempo al sud. A Lamezia trovati morti mamma e un bimbo, ancora disperso l’altro figlio

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Il maltempo sta flagellando tutto il sud Italia. In Calabria e nello specifico in provincia di Lamezia Terme, una donna di 30 anni, Stefania Signore e il suo bimbo di 7 sono morti, travolti dall’acqua. Ancora disperso il secondo figlio di 2 anni che era con loro. Sono stati sorpresi dalla furia della pioggia ieri sera, mentre erano in auto nella zona di San Pietro Lametino e stavano provando a rientrare a casa a Gizzeria, ai confini tra le province di Catanzaro e Cosenza. Non si avevano più notizie dalla tarda serata di ieri. Era stato il marito a dare notizia della scomparsa quando non li ha visti rientrare nella loro casa di Falerna, in provincia di Catanzaro. In un’ultima disperata telefonata al marito, la donna ha provato a chiedere aiuto. Poi la linea è caduta e non è stato possibile rintracciarla.

I corpi della donna e del figlio più grande sono stati trovati stamane nei pressi della vettura vuota, con i lampeggianti accesi. Probabilmente mamma e figli hanno tentato la fuga inutilmente per sottrarsi alla furia delle acque.

Sempre nel lametino sedici persone sono state invece tratte in salvo dai vigili del fuoco. Si tratta di due operai rimasti bloccati in alcuni capannoni della zona ex sir, alcuni abitanti di Acconia di Curinga che si erano rifugiati sul tetto delle abitazioni ed altri che erano rimasti bloccati nelle auto. Soccorsi anche automobilisti sulla strada provinciale Oppido-Ferrandino, nel Reggino. Le vetture erano state invase di acqua e all’interno c’erano alcuni bambini e una donna incinta.

La situazione in Calabria è drammatica: scuole chiuse, famiglie evacuate dalle loro case. Il ponte delle Grazie, sulla provinciale 19, nel comune di Curinga, nel lametino, è crollato. Sulla stessa provinciale uno smottamento ha coinvolto due auto. Nella zona di Lamezia è esondato il torrente Cantagalli allagando le case.

La Protezione Civile regionale ha diramato l’avviso di allerta meteo rossa, dunque il massimo livello previsto in questi casi, per la fascia ionica calabrese. Lo ha detto all’Agi il responsabile del dipartimento, Carlo Tansi, spiegando che da questo pomeriggio è previsto un peggioramento delle condizioni del tempo con precipitazioni maggiori di quelle registrate finora.

Allerta anche in Campania dove la Protezione civile ha diramato un nuovo avviso di criticità meteo di colore Giallo per temporali valido a partire dalle ore 21 di oggi e per le successive 24 ore. L’allerta riguarda l’intero territorio tranne Alta Irpinia, Sannio e Tanagro. Si prevedono precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporale che potranno essere intensi con la presenza di raffiche di vento. Uno scenario che potrebbe dare luogo a fenomeni di dissesto idrogeologico con possibili fenomeni franosi anche rapidi, allagamenti, ruscellamenti superficiali rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazioni e coinvolgimento delle aree urbane depresse.
Il rischio di nubifragi è esteso per altri due giorni al Sud e sono previste piogge nel weekend anche al Centro-Nord. In tutta Italia è in arrivo una nuova ondata di maltempo a causa di un vortice di bassa pressione.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!