Pasquetta: Traffico, criticità a Roma e Napoli. Coldiretti: “Gita fuori porta per 11 mln di italiani”

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Auto accese in fila producono smog e pm10

Anche per questa Pasquetta si registra traffico molto intenso sulle autostrade e strade extraurbane italiane. In queste ore la fascia più critica della giornata perchè si vanno concentrando gli spostamenti dai centri urbani per raggiungere le zone dove pranzare.

Molto critica la situazione nel nodo di Roma Nord, da Settebagni verso il bivio diramazione per l’accesso all’A1 e al Gra: si segnalano 6 km di coda. Sono invece 4 i km di coda in A1 tra Magliano Sabina e Attigliano; criticità all’uscita di Orte provenendo da nord. Sempre nell’area romana, traffico molto intenso e code sulla A12 Roma-Civitavecchia all’altezza di Torrimpietra verso l’accesso alla statale 1 Aurelia.

Ben 9 km di coda in direzione Napoli sono segnalati al momento in A1 tra Acerra-Afragola ed il bivio con la A3 Napoli-Salerno, di conseguenza per il traffico diretto a Salerno si consiglia di utilizzare la A30 Caserta-Salerno mentre per il traffico diretto a Napoli città si consiglia di seguire le indicazioni per la Tangenziale del capoluogo partenopeo. Traffico intenso anche sulla A30 verso la costiera amalfitana. Inoltre, sulla A16 Napoli-Canosa coda di 1 km tra Pomigliano e Napoli est verso Canosa; 1 km di coda tra Avellino Ovest ed Avellino est verso Canosa, e 2 km tra Avellino Est e Benevento 2 km verso Canosa.

Al nord, si segnalano code per traffico intenso in A4 Milano-Brescia:
2 km alla Barriera di Milano est verso Brescia; 2 km anche tra Dalmine e Bergamo verso Brescia. In A8 Milano-Varese tra Castellanza e la diramazione Gallarate-Gattico verso Varese. Poi in A1 Milano-Napoli tra Firenze Scandicci ed il bivio con la A1 Direttissima verso Bologna; in A11 Firenze-Pisa Nord tra Firenze ovest e Lucca Est verso Pisa. Poi in A14 Bologna-Taranto si segnala 1 km di coda tra Pesaro e Cattolica verso Bologna; code tra Bologna San Lazzaro ed Imola verso Taranto; tra Ortona e Lanciano verso Taranto; tra Lanciano e Val di Sangro sono 2 i km di coda verso Taranto, mentre tra Poggio Imperiale e Termoli 1 km di coda verso Pescara. Rallentamenti e code per traffico intenso si registrano dalla tarda mattina anche sull’autostrada A22 del Brennero in Trentino Alto Adige.

In A10 Genova-Ventimiglia code tra Albenga e Vado Ligure, disagi aggravati anche da un incidente; code inoltre sulla Firenze Mare tra il capoluogo toscano e Lucca. Si segnalano code anche sulla rete non gestita da Autostrade per l’Italia: in A6 Torino-Savona code in uscita a Carmagnola direzione la città ligure; in A22 Brennero-Modena traffico rallentato tra il nodo A22/A4 Torino-Trieste e Affi in direzione confine italiano; traffico rallentato tra trento Nord e Affi in direzione Modena. Sulla A24 Roma-Teramo traffico rallentato in direzione del mare abruzzese; code in uscita a San Gabriele-Colledara. Code anche sulla A25 Torano-Pescara, in area Scafa, Cocullo, Bussi

Analisi Coldiretti/Ixè: Sono circa 11 milioni gli italiani che hanno scelto di fare una gita fuori porta, anche con il classico picnic nel verde nel rispetto della tradizione al mare, in montagna, in campagna o comunque nel verde, fuori e dentro le città. Sempre secondo la nota Coldiretti: “la Pasquetta è stata una occasione per stare all’aria aperta a contatto con la natura insieme a parenti e amici, con brevi spostamenti in giornata, in un Paese come l’Italia che può contare su quasi 900 parchi e aree naturali protette che coprono il 10 per cento del territorio nazionale”. Il menù in molti di questi casi per il pranzo di pasquetta è a base degli avanzi della Pasqua per la quale gli italiani – stima la Coldiretti – hanno speso oltre 1,2 miliardi di euro a tavola restando nell’87% dei casi tra le mura domestiche.

Oltre 350mila persone – continua la Coldiretti – hanno però deciso di pranzare a tavola in un agriturismo a Pasquetta per cogliere l’opportunità di trascorrere una giornata lontano dalle città senza rinunciare alla comodità e alla protezione garantita dall’ospitalità delle aziende di campagna.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!