Ragazzina di 16 anni muore dopo aver preso una pasticca. Arrestati 2 maggiorenni

Sono stati arrestati i due maggiorenni che avrebbero ceduto una pasticca di metanfetamina alla 16enne di Chiavari, deceduta a Genova dopo una serata passata con degli amici in un appartamento nel quartiere San Martino, poi finita tragicamente presso la stazione ferroviaria di Brignole. Identificato e denunciato anche il pusher, minorenne. Nella sua abitazione è stato sequestrato un bilancino di precisione e dei soldi che gli inquirenti ritengono provento di spaccio. Gli esami tossicologici hanno stabilito che la ragazza ha assunto MDMA.
Il gruppo verso le 2 di notte ha raggiunto la stazione ferroviaria per andare in un locale in centro, ma proprio lì la vittima ha avuto un malore. Gli amici hanno subito chiamato un’ambulanza, è la giovane è stata portata al pronto soccorso del Galliera, dove però non ce l’ha fatta, è morta un’ora dopo il ricovero. Dopo il primo intervento delle Volanti della Questura, sul caso indaga la Squadra Mobile.
“E’ arrivata al pronto soccorso in coma profondo, abbiamo avviato subito la rianimazione, siamo andati avanti per quasi un’ora, ma non si è mai ripresa”, ha riferito Paolo Cremonesi, direttore del pronto soccorso del nosocomio. E lancia un appello: “Bisogna far capire ai giovani che non esistono droghe pesanti e leggere. Gli stupefacenti sono tutti potenzialmente pericolosi. Bisogna tenere alta la guardia anche perché negli ultimi tempi i casi sono aumentati. Tre settimane fa è arrivata qui una ragazza in coma dopo un rave a Oregina, ma in quel caso siamo riusciti a salvarla. Bisogna parlare ai ragazzi: devono farlo le famiglie, ma anche le istituzioni per fare prevenzione e anche informazione sulla pericolosità delle droghe”.
Nessuno dei giovani ha precedenti per droga. “Purtroppo sta diventando un’abitudine sempre più consolidata anche tra i ragazzini incensurati ‘provare un brivido’ nel weekend, con droghe o simili: un’abitudine sempre più pericolosa”, dice il Capo della Squadra Mobile Marco Calì, che indaga sulla vicenda.
Ascolta il Radiogiornale di oggi!