Scappa dai vigili come un pilota di Formula 1. Becca 1420 euro di multa

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

La polizia locale gli intima l’alt, lui si mette a sfrecciare ad oltre 100 all’ora nel centro di Piovene Rocchette e sfugge agli agenti, che poi lo rintracciano a casa e multano. E’ questa l’avventura nella quale si è gettato stanotte un 22enne di Cogollo del Cengio, che pur di non venir fermato dalla pattuglia di polizia si è messo in modalità “pilota di Formula 1”. Questo non gli ha però evitato una multa esemplare: 1420 euro di multa e 52 punti di patente tolti.

L’inseguimento è iniziato attorno alle 23.30, nella rotonda tra via Gorizia e via Thiene a Piovene. Una pattuglia del distaccamento di Piovene ha visto arrivare ad altissima velocità una Peugeot 106, che si è immessa nella rotonda. Gli agenti hanno perciò iniziato a seguire la macchina lungo via Trento fino ad arrivare all’incrocio con via S.Eurosia dove il conducente ha iniziato un repentino giro attorno alla rotatoria. A quel punto la polizia locale ha acceso le sirene lampeggianti intimando l’alt, ma il guidatore incurante di ciò non si è fermato, anzi ha accelerato dando inizio ad una corsa per le vie del centro con l’evidente intento di eludere i controlli. Il conducente della Peugeot ha quindi tentato di seminare la pattuglia correndo ad oltre 100 chilometri orari, prima percorrendo via Thiene a fari spenti, per poi imboccare via dello Sport contromano e con varie immissioni repentine dalle vie laterali mancando completamente la precedenza e sorpassando più veicoli in area di intersezione fino ad immettersi nuovamente nella principale S.P. 349 con direzione Asiago.

Dato che il soggetto stava diventando pericoloso gli agenti hanno desistito dall’inseguimento, non prima però di aver annotato il numero di targa del veicolo. A quel punto si sono recati direttamente nell’abitazione del proprietario, a Cogollo del Cengio. Sul posto hanno trovato due ragazzi che riferivano di essere lì solo con il motorino, ma nel vicino garage vi era parcheggiata la Peugeot con il motore ancora caldo. Il proprietario della macchina, che stava dormendo nella propria abitazione, dopo essere stato svegliato ha riferito di averla prestata al nipote che risultava essere proprio uno dei due ragazzi; messi alle strette i due confessavano di essere loro i “piloti” di quella folle corsa irresponsabile.

Il conducente, un 22enne di Cogollo del Cengio, è stato pertanto sanzionato per 1.420 euro con la decurtazione di ben 52 punti e la sospensione della patente di guida.