“Luca non era solo quando è morto”. Il commovente racconto dell’infermiera che lo ha soccorso

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il post di Paula ORurke

To the family of Luka Russo, I found him on Las Ramblas, I am a nurse, I was with him when he passed, he looked at me and he looked at the sky, it was quiet and he was quiet, he did not go alone and maybe this can give a moment of peace, just a moment. I am so sorry“.

“Alla famiglia di Luka Russo, l’ho trovato su las Ramblas, sono un’infermiera, ero con lui quando è morto, mi ha guardato e ha guardato il cielo, c’era serenità e lui era sereno, non era solo quando se n’è andato e forse questo può dare un momento di pace, solo un momento. Mi dispiace così tanto”.

A scrivere questo post struggente post su Facebook è stata un’infermiera di Boston (Stati Uniti) Paula O’Rourke che vive a Barcellona. Il giorno dell’attentato sulle Ramblas è scesa in strada per aiutare i feriti ed era vicina a Luca Russo, il giovane ingegnere bassanese, quando è morto. A darne notizia è Il Giornale di Vicenza. 

La donna, che vive a Barcellona, ancora la sera del 17 agosto aveva pubblicato un video delle gente in fuga nella sua via e aveva raccontato di essere scesa sulla Ramblas quando aveva capito che era accaduto qualcosa di brutto. “Sono stata fra le prime ad arrivare sul posto, ho visto quattro cadaveri, un uomo è morto tra le mie braccia, addosso aveva uno zaino Sf. Quando due giorni dopo la donna ha visto le foto di Luca on line, sul suo profilo Facebook ha scritto il messaggio rivolto ai familiari. Era il primo pomeriggio del 19 agosto. Contattata dall’Ansa, la sorella di Luca, Chiara Russo, ha confermato inoltre di aver già avuto modo di parlare anche con due ragazzi berlinesi che pure sono stati a fianco di Luca in quei momenti, non lasciandogli la mano neppure per un minuto.

Tutte notizie che possono alleggerire un po’ il peso dei familiari, degli amici di Luca e di Marta Scomazzon, che era con lui sulla Ramblas e che che nell’attentato si è fratturata un braccio e una caviglia. La fidanzata di Luca Russo è stata dimessa oggi dall’ospedale e rientra in giornata a Bassano in aereo con la madre Roberta, al zia e lo zio.

I funerali del giovane bassanese si terranno venerdì pomeriggio nella chiesa di San Francesco in forma privata, mentre invece domani sera è prevista la fiaccolata in sui ricordo per le vie del centro.