Marano comune virtuoso: tagliati oltre quattro milioni di debito

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Il Sindaco di Marano Piera Moro

Oculatezza nelle spese, attenzione al risparmio, niente nuovi mutui. Sono queste alcune delle ricette chiave della “spending rewiew” messa in atto dal Comune di Marano Vicentino, che in quattro anni di amministrazione Moro ha tagliato il debito comunale di 4,4 milioni di euro. “Tanta soddisfazione – ha detto il Sindaco Piera Moro – ora abbiamo un bilancio più solido per il futuro dei nostri cittadini”.

Quando l’attuale amministrazione entrò in carica nel 2012 infatti il debito comunale complessivo di Marano Vicentino ammontava a circa 14 milioni di euro. Una cifra molto esposta che se divisa per ogni cittadino si traduceva in 1413 euro di debito pro capite, come spiegato dall’Assessore al Bilancio Alessandro Peron durante la relazione in Consiglio Comunale. “Il valore più alto di tutti i comuni limitrofi – ha detto – insostenibile sicuramente, un’eredità molto difficile da gestire. Oggi dopo quattro anni di lavoro siamo arrivati ad una riduzione del 31,7%, con il valore odierno di nove milioni e mezzo”.
Quattro anni fa il lavoro dell’amministrazione è partito dunque con un pesante passivo sul groppone, che ha inevitabilmente indirizzato le scelte al risparmio. Decisioni che sono state prese senza ricorrere a mutui e con alcune estinzioni anticipate, andando a rivisitare ognuno dei prestiti in essere. Precise scelte politiche che hanno permesso di ridurre di 4,4 milioni il notevole passivo.
“Il risultato ottenuto è un motivo di grande soddisfazione pensando alle generazioni che verranno – ha detto Moro, che ha simbolicamente portato in Consiglio un fiocco rosa e azzurro dedicato a tutti i nuovi nati – i nostri figli devono poter contare su un bilancio molto diverso da quello che abbiamo ereditato dalle precedenti amministrazioni. Un risultato che è un bene di tutti, e non di una sola parte politica”. Nel sottolineare che il traguardo appartiene a tutta la comunità il Sindaco ne ha approfittato per bacchettare la minoranza, assente in blocco al Consiglio Comunale sull’approvazione del bilancio. “Con la loro assenza e dopo essersi sempre astenuti in questi quattro anni a ogni votazione di bilancio dimostrano la loro poca serietà – ha concluso – attenzione e rispetto nei confronti del mandato che hanno ricevuto dai cittadini”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!