Precipitazioni -90%. Coldiretti: servono bacini di laminazione e politiche antinquinamento

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Precipitazioni in calo di oltre il 90% nel Vicentino. Lo afferma Coldiretti e lo confermano, a livello nazionale, i numeri Isac-Cnr: la scorsa primavera, a livello nazionale, è risultata la terza più asciutta dal 1800, con precipitazioni diminuite del 48%. Dati oggettivamente allarmanti, che in alcune zone d’Italia hanno portato ad incendi devastanti, con danni al territorio ed alla fauna che lo popola.

Per Coldiretti Vicenza siamo di fronte a un’evidente anomalia climatica, che per alcuni giorni è stata percepibile anche dalle alte temperature, con le massime che nel nostro territorio sono almeno 1,5 gradi superiori alla media, mentre il differenziale sale addirittura a 2,7 gradi per le minime, in rapporto allo stesso periodo dello scorso anno.

“Se nelle città la mancanza di pioggia ha causato l’innalzamento dei livelli di inquinamento, nelle campagne – spiegano il presidente provinciale di Coldiretti Vicenza, Martino Cerantola ed il direttore Roberto Palù – è la siccità a preoccupare, almeno in alcune zone. In tal senso dobbiamo riconoscere l’esigenza di giocare d’anticipo e puntare sui bacini di laminazione, opere fondamentali per far fronte ai cambiamenti climatici in atto, per garantire sempre l’irrigazione delle colture, anche perché dovremo abituarci a minori precipitazioni e nevicate, così come ad alluvioni e bombe d’acqua, che si alterneranno imprevedibilmente”.

Con questo scenario appare anche fondamentale lavorare sul versante della riduzione dell’inquinamento. Se di fronte ai cambiamenti climatici non si può intervenire, è invece possibile adottare politiche a sostegno dei trasporti pubblici locali e scelte politiche che privilegino la creazione di nuovi spazi verdi. “La politica deve rimettere in discussione le scelte fallimentari fatte negli ultimi decenni – aggiungono Cerantola e Palù – in quanto non risolutive dei problemi riscontrati, ma nemmeno migliorative sul versante dei dati. Non è possibile che gli amministratori locali facciano la danza della pioggia per sperare che la concentrazione di polveri sottili diminuisca. Servono politiche educative, trasporti pubblici efficienti ed economici e, soprattutto, una politica edilizia non fondata sull’edificazione, ma sull’analisi dell’edificato esistente, per evitare di continuare a sottrarre verde pubblico e verde impiegabile per l’agricoltura a favore di nuove strutture immobiliari destinate a restare inutilizzate”.

Se la carenza di piogge dovesse continuare, appare fondamentale tenere a mente il decalogo di Coldiretti per combattere gli incendi. La prima regola per non causare l’insorgenza di un incendio nel bosco è quella di evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde. Soprattutto nelle campagne non bisogna gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall’automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi. Inoltre, non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità ed evitare la dispersione nell’ambiente di contenitori sotto pressione che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi. “Il senso civico – concludono Cerantola e Palù – è fondamentale per un territorio curato e sicuro per tutti”.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!