Legnaia in fiamme, rischiano le abitazioni vicine per una bombola gpl

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...
Un operatore al lavoro nella notte e nel fumo ad Asigliano

Un apparentemente innocuo incendio circoscritto in una baracca poteva rivelarsi una “bomba a orologeria”. Grazie alla prontezza e alla perizia di tre squadre di Vigili del Fuoco – accorse da Lonigo, Vicenza e Legnago – si è evitato il peggio stamattina intorno alle 4.15 nel territorio di Asigliano Veneto, dove le fiamme hanno avvolto una bombola di gpl e sfiorato una cisterna di gasolio inutilizzata.

L’allarme proviene da via Corridoni, zona rurale del paese, dove una piccola baracca in lamiera adibita a legnaia e magazzino attrezzi nella notte è stata preda del fuoco, probabilmente a causa di un guasto elettrico. Tre automezzi provenienti da altrettanti centri operativi sono accorsi sul posto, circoscrivendo le fiamme ed evitandone l’estensione alle abitazioni poco distanti e ad altre costruzioni di ricovero tipiche delle zone di campagna. Attenzione massima rivolta ad una bombola contenente gas propano liquido, altamente infiammabile, che in caso di scoppio avrebbe messo in pericolo l’incolumità dei presenti.

L’operazione di raffreddamento della stessa e la successiva messa in sicurezza dall’area ha scongiurato guai peggiori e danni ulteriori, tanto più che a pochi metri si trovava una cisterna di gasolio comunque vuota. Causa del rogo un probabile corto circuito all’impianto elettrico, toccherà al corpo dei Vigili del Fuoco determinarne con certezza la causa, impegnati sul posto con ben 12 operatori intervenuti in sinergia per risolvere il problema nel migliore dei modi e in poche ore.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!