Brasile: si aprono le porte del carcere per l’ex presidente Lula

Ascolta l'audio
...caricamento in corso...

Il Tribunale supremo federale del Brasile ha respinto oggi la richiesta di “habeas corpus” presentata dall’ex presidente Lula da Silva, che ora può essere incarcerato per scontare la pena a 12 anni che gli è stata inflitta per corruzione e riciclaggio. Come previsto dagli osservatori, la decisione è stata presa con una maggioranza risicata: 6 voti contro 5. Formalmente è stato il parere della presidente del Tribunale, Carmen Lucia, ovvero l’ultima a votare,  a segnare la sconfitta di Lula. In realtà però a segnare il destino dell’ex presidente, è stato il voto negativo di un’altra magistrata, Rosa Weber che ha di fatto dato la direzione alla lunghissima udienza, durata più di dieci ore. I suoi avvocati avranno tempo fino al 10 aprile per fare ricorso.

Alla notizia, migliaia di persone sono scese in piazza divisi tra sostenitori e avversari di Lula. I brasiliani hanno manifestato in 16 dei 27 Stati del Paese.Nella capitale Brasilia sono stati schierati 4.000 agenti delle forze dell’ordine a difesa anche della Corte suprema che è stata dichiarata ‘off limits’. L’ingente dispositivo di sicurezza, non ha però impedito che simpatizzanti e oppositori di Lula si radunassero numerosi lungo la spianata dei ministeri, nel centro della città, dove hanno sede tutti i palazzi istituzionali, compresi la Presidenza e la Corte suprema.

Manifestazioni si sono svolte, tra l’altro, anche a San Paolo, Belo Horizonte, Porto Alegre, Recife, Fortaleza, Manaus, Salvador de Bahia.

Ascolta il Radiogiornale di oggi!